La Nuova Sardegna

La stagione 2023-2024

Cedac a Sassari: cielo stellato su teatro e balletto, Haber, De Sio e Carola Puddu

di Gabriella Grimaldi
Cedac a Sassari: cielo stellato su teatro e balletto, Haber, De Sio e Carola Puddu

In scena anche Franco Branciaroli, Maria Amelia Monti, Marina Massironi e il Malandain Biarritz Ballet

11 ottobre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Da novembre ad aprile, sei mesi da vivere seduti in platea a godere delle perfomance teatrali di attori come Francio Branciaroli, Arturo Cirillo, Giuliana De Sio, Alessandro Haber e Gioele Dix o incantati dai passi e dai corpi dei danzatori di compagnie del calibro del Balletto di Roma e della Paul Taylor Dance Company o dai movimenti di étoile come Carola Puddu. È questa la proposta, più che mai variegata e attraente, del Circuito per lo Spettacolo Cedac per la stagione di prosa e danza in arrivo, distribuita tra il Verdi e il Comunale. Ieri la presentazione a palazzo Ducale con la direttrice artistica Valeria Ciabattoni, l’assessora alla Cultura del Comune di Sassari Laura Useri e il direttore dell’Ersu Antonfranco Temussi. «L’obiettivo del nostro progetto – ha detto Valeria Ciabattoni – è come sempre andare incontro alle esigenze del pubblico affezionato ma anche attirare fasce diverse di spettatori, tra i quali ovviamente le nuove generazioni». Un auspicio che sembra essere già confortato dalle cifre relative agli abbonamenti da parte degli studenti universitari che, come confermato dal direttore Temussi, dopo l’arresto dovuto alla pandemia, hanno ripreso a crescere: «Un servizio a favore dei ragazzi che sentiamo come un dovere civico e un contributo alla crescita culturale della città». Stesso intento del Comune di Sassari che, come ha detto l’assessora Useri «vuole offrire sempre migliori opportunità ai sassaresi e anche agli abitanti dei centri limitrofi. Investimenti che la nostra città si merita».

Ma ecco una sintesi del programma. Inizio con brio - venerdì 10 novembre al Teatro Verdi - con “Il marito invisibile”, divertente commedia sull’amore e sull’amicizia nell’epoca della realtà virtuale e dei social media, scritta e diretta da Edoardo Erba e interpretata da Maria Amelia Monti e Marina Massironi. Si passa poi alla danza con un capolavoro in una inedita e affascinante “rilettura” in chiave metateatrale - giovedì 23 e venerdì 24 novembre al Teatro Verdi - con “Il Lago dei Cigni” del Balletto di Roma, una creazione del coreografo Fabrizio Monteverde con la partecipazione dell’étoile Carola Puddu nel ruolo del Cigno Nero e Roberta De Simone nel ruolo del Cigno Bianco. Stavolta al Comunale - a partire da lunedì 18 dicembre - “Uomo e Galantuomo”, scoppiettante commedia di Eduardo De Filippo, con Geppy Gleijeses e Lorenzo Gleijeses. Martedì 9 gennaio sempre al Teatro Comunale va in scena “Sabir. Un viaggio mediterraneo” della Mvula Sungani Physical Dance, una creazione del coreografo italo-africano Mvula Sungani (che firma ideazione e regia), interpretata dall’étoile Emanuela Bianchini. Dopo l’omaggio all’eclettico scrittore e poeta - il 16 gennaio al Comunale - con “La corsa dietro il vento/ Dino Buzzati o l’incanto del mondo”, con drammaturgia e regia di Gioele Dix (anche protagonista insieme a Valentina Cardinali), sbarca nell’isola - in prima regionale il 26 gennaio al Comunale - la Paul Taylor Dance Company fondata nel 1954 dal danzatore e coreografo statunitense Paul Taylor, figura di spicco della modern dance americana. In programma un imperdibile trittico che comprende due “classici” firmati da Taylor, come “Airs”, sulle note di Georg Friedrich Händel e “Promethean Fire” su musiche di Johann Sebastian Bach più “Somewhere in the Middle” di Amy Hall Garner, con una colonna sonora che spazia tra Count Basie, Sarah Vaughan, Duke Ellington, Wynton Marsalis e Bill Evans.

E ancora, tra un “Edipo Re” con i costumi di Antonio Marras, le coreografie di Daniele Cipriani (con Davide Dato e Sergio Bernal) e “Notre-Dame de Paris” in una nuova creazione del coreografo francese Stéphen Delattre per il Balletto di Milano, si arriva a marzo con Arturo Cirillo nei panni di Cyrano de Bergerac e ad aprile quando la stagione si concluderà con “La signora del martedì” di Massimo Carlotto con Giuliana De Sio e Alessandro Haber, la danza del Malandain Ballet Biarritz e Shakespeare del “Mercante di Venezia” interpretato da un inarrivabile Franco Branciaroli.
 

In Primo Piano
Trasporti

Aeroitalia saluta Alghero: «Costi troppo alti impossibile proseguire»

di Claudio Zoccheddu
Sardegna

Sassari, oltre duemila persone in piazza d'Italia per l'Otello

Le nostre iniziative