La Nuova Sardegna

L'intervista

Vincent Riotta: «Lady Gaga, cinema, caso Claps: è il momento top della mia vita»

di Alessandro Pirina
Vincent Riotta: «Lady Gaga, cinema, caso Claps: è il momento top della mia vita»

L'attore inglese si racconta tra Londra, Hollywood e Roma

11 novembre 2023
4 MINUTI DI LETTURA





Ha diviso il set con Nicolas Cage, Anthony Hopkins, Ben Affleck, Sophia Loren, Nicole Kidman. Un elenco lunghissimo a cui recentemente ha aggiunto anche Jane Fonda, Lady Gaga e Adam Driver. Eppure Vincent Riotta, attore inglese che fa la spola tra Londra, Roma e Hollywood, è ora, a 64 anni, che sta vivendo la sua primavera. Merito di diversi lavori al cinema, in tv e a teatro che gli stanno dando enormi soddisfazioni. Dalla serie sul caso Claps, boom di ascolti su Rai 1, a due film usciti negli ultimi trenta giorni, “Good vibes” di Janet De Nardis con Caterina Murino e “Il meglio di te” di Fabrizio Maria Cortese con Maria Grazia Cucinotta.

Riotta, a che punto si sente della sua carriera?
«Forse il più bello, anche a livello personale. In questi giorni è uscito “Il meglio di te”, un film che ha tirato fuori il meglio di me. Dopo anni in cui in Italia ho sempre interpretato ruoli di poliziotti o mafiosi mi auguro che da questa parte esca di me un’altra immagine. D’altronde, ho raggiunto 40 anni di carriera».

Perché ama così tanto questo film?
«Cortese è un genio, lui ha visto cose che io non avevo visto. Il film parla di amore, di tutti i tipi di amore. Da un lato, ti fa ridere, dall’altro ti commuove. Alla prima c’erano tanti professionisti del cinema e tutti a piangere di gioia, perché come ha detto Ricky Tognazzi è “un film che ci tocca tutti da vicino”. Quando lo ho girato avevo perso da poco mia madre e questo sicuramente ha influito. È un film che ti fa capire che dobbiamo goderci la vita perché è una sola. Parla dell’importanza del perdono».

Un mese fa è uscito “Good vibes” con Caterina Murino.
«Una sarda doc. Io sono di origine siciliana e durante le riprese affrontavamo spesso discorsi importanti: vinceva sempre lei. Provo un grande affetto per Caterina, una donna di grandi valori come lo è anche la Cucinotta. E poi la Murino è un’attrice internazionale, bella come il sole, ti apre il cuore e ti dà l’anima. Ed è attaccatissima alla sua terra. E io, essendo stato per 18 anni con una donna sarda, so cosa vuole dire».

In “Per Elisa - Il caso Claps” era il poliziotto inglese Phil James che indagava sull’omicidio di Heather Barnett: cosa le ha lasciato questa serie?
«È una storia che ti spacca l’anima, soprattutto quando hai dei figli. Chissà se è stata raccontata tutta. Sicuramente se il male esiste è Danilo Restivo. Marco Pontecorvo ha fatto un lavoro eccezionale».

Presto sarà in una serie Disney con Anthony Hopkins.
«Avevo già lavorato con lui in “I due papi”. Questa è una serie che si chiama “Il gladiatore”: io sono un senatore e lui l’imperatore Vespasiano».

La sua carriera inizia in Inghilterra: cosa l’ha spinta a venire in Italia?
«A Londra ho fatto la Royal Academy, dove mi sono diplomato insieme a Kenneth Branagh e tanti altri. Poi dal 1984 ho iniziato a venire in Italia, stavo un po’ qua e un po’ in America. Nel 2000 ho girato “Sotto il cielo della Toscana” con Diane Lane e Raoul Bova e ho conosciuto Teresa Razzauti, casting director, mezza sarda della Maddalena, ci siamo messi insieme e abbiamo avuto una figlia. Da Los Angeles così mi sono trasferito a Roma».

In Italia tanto cinema e tv, ma il grande successo arriva con “Il capo dei capi”, dove lei era Tommaso Buscetta.
«Quando un attore fa un ruolo importante capita che ti rimanga appiccicato. In America mi è successo per “Sotto il sole della Toscana”, in Inghilterra per altro, qui per Buscetta. All’inizio ero contento, poi ho iniziato a pensare: ma io so fare altro. Ora però sono grato da morire a quel ruolo, perché bisogna ringraziare Dio quando il pubblico ti riconosce e ti definisce».

Lo scorso anno è stato il patrigno di Lady Gaga in “House of Gucci”. Come si è trovato con la grande popstar?
«Una meraviglia. Prima scena sul set con Ridley Scott. Lui fa: “aspettiamo Stefani (vero nome di Lady Gaga, ndr)”. Lei si presenta già vestita da sposa - era la scena del matrimonio -, mi vede e mi dice: “papà!”. E io: “amore mio, vieni qua”. Ci siamo abbracciati e siamo andati all’altare come se fossimo davvero padre e figlia. Non ci eravamo mai incontrati, ma Lady Gaga è questa, grande professionista. E pure Adam Driver è eccezionale».

Da Rob Marshall a Ron Howard, tutti i grandi registi americani che vengono in Italia le affidano un ruolo: un personaggio che le è sfuggito?
«Tantissimi. Io vorrei lavorare con Paolo Sorrentino, Matteo Garrone, Michele Placido, ma le occasioni non sono arrivate».

Ci sono differenze tra fare cinema in Inghilterra e in Italia?
«I soldi. Perché sul talento non abbiamo nulla da invidiare a nessuno. Giulio Della Monica, che faceva Restivo nel caso Claps, è altissimo livello. Sembra il Robert De Niro degli esordi».

Il sogno di Vincent Riotta?
«Arrivare alla cima del mio talento».

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative