La Nuova Sardegna

I Ferragnez

Sanremo, la crisi, la malattia, i pandori: 12 mesi di alti e bassi per la coppia d’oro

Sanremo, la crisi, la malattia, i pandori: 12 mesi di alti e bassi per la coppia d’oro

Pure le uova pasquali griffate Ferragni finiscono nella lente della procura di Milano. L’imprenditrice sta male e resta lontana dai suoi amati social

22 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sanremo, la lite per il bacio con Rosa Chemical, la crisi di coppia, la malattia, lo scandalo dei pandori, i follower che lasciano. Per Chiara Ferragni e Fedez sta per chiudersi un anno di alti e bassi. Un 2023 iniziato all’insegna del grande successo festivaliero, con lei, la Chiara nazionale, co-conduttrice della prima e dell’ultima serata di Sanremo, le due più importanti della kermesse. Una settimana iniziata con il messaggio “pensati libera” sfoggiato sulla stola dell’abito Dior e chiusa con quella lite dietro le quinte dell’Ariston – durante uno stacco pubblicitario – con il marito, colpevole di essersi preso la scena in quella che doveva essere la sua settimana. Una frizione quasi in diretta tv che per settimane ha fatto pensare a una rottura in casa Ferragnez. Sui giornali già si parlava di divorzio. Poi Fedez ha raccontato di avere avuto un crollo mentale e di avere fatto ricorso all’uso di antidepressivi. Ma che la coppia abbia attraversato un momento di crisi lo ha confessato la stessa Ferragni nel documentario The Ferragnez, andato in onda in autunno. L’imprenditrice ha raccontato di non essersi sentita supportata dal marito, di avergli chiesto di farla stare tranquilla durante la settimana sanremese, mentre lui con tutte le sue performance – non solo il bacio a Rosa Chemical – ha prodotto l’effetto contrario.

A ottobre la coppia è finita di nuovo sotto i riflettori per il ricovero d’urgenza di Fedez e la corsa di Chiara - che si trovava a Parigi per la settimana della moda - al suo capezzale. In seguito a problemi sorti in estate e ai postumi dell’intervento per il tumore al pancreas, è stato operato d’urgenza per una doppia emorragia interna allo stomaco causata da ulcera gastrica e ischemia. L’ultima puntata dei Ferragnez è quella di cui tutta Italia – e non solo, la vicenda ha varcato l’Atlantico – sta parlando questi giorni. Ovvero l’affaire dei pandori Balocco. Ora anche le uova di Pasqua griffate Ferragni finiscono nel mirino della Procura di Milano nell’ambito dell’inchiesta – al momento solo esplorativa – per far luce sulla presunta pratica commerciale scorretta che è costata alle società della influencer una multa da un milione di euro. Dopo aver già dato mandato alla Guardia di finanza per acquisire dall’Antitrust la documentazione relativa alla vicenda del pandoro Pink Christmas Balocco - le cui vendite erano state legate a una campagna di beneficenza a favore dell’ospedale Regina Margherita di Torino - il procuratore aggiunto titolare del caso, Eugenio Fusco, ha deciso di allargare le indagini anche al caso delle uova pasquali di Dolci Preziosi sponsorizzate da Ferragni. Anche in questo secondo caso, la delega firmata dal pm Fusco alla Gdf nasce da un esposto del Codacons. Il fascicolo della procura di Milano, a livello attuale, resta comunque senza indagati né ipotesi di reato. Difficile che si possa arrivare all’accusa di truffa, mentre gli inquirenti stanno approfondendo l’eventuale profilo di frode in commercio.

In attesa degli sviluppi giudiziari, nel frattempo, dopo il video delle scuse e l’annuncio di voler devolvere 1 milione al Regina Margherita come gesto concreto per rimediare all’«errore di comunicazione», continua il silenzio social dell’imprenditrice. La vicenda, fino ad ora, è costata a Ferragni la perdita di 100mila follower su Instagram, mentre il gruppo Safilo ha comunicato l’interruzione dell’accordo per il design, la produzione e la distribuzione delle collezioni eyewear. Secondo indiscrezioni, Ferragni starebbe male, chiusa in casa da giorni, lontana anche dai suoi amati social. (al.pi.)
 

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative