La Nuova Sardegna

Il Festival

Grande emozione a Bitti: il canto millenario della Sardegna a Sanremo con Mahmood e i Tenores


	I Tenores di Bitti davanti all'Ariston a Sanremo
I Tenores di Bitti davanti all'Ariston a Sanremo

Domani 9 febbraio i 4 quattro cantori interpreteranno “Come è profondo il mare” di Lucio Dalla: «Il canto a tenore rimarrà sempre il canto del nostro mondo. Grazie a Mahmood proveremo a condividerlo con tante persone in un modo diverso e alla pari con altri stili musicali»

08 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sanremo Mancano poche ore e l'emozione in paese è davvero tanta: domani sera 9 febbraio al teatro Ariston di Sanremo i Tenores di Bitti "Remunnu 'e Locu" saliranno sul palcoscenico più importante della musica italiana per esibirsi con Mahmood, nella serata dedicata alle cover, con una rivisitazione della canzone "Come è profondo il mare" di Lucio Dalla. In piazza, nei negozi e nei bar del paese barbaricino non si parla d'altro e l'attesa di vedere il quartetto di cantori bittesi, che in decenni di attività hanno portato l'antica espressione artistica dei pastori in tutto il mondo, è davvero salita alle stelle.

E proprio in vista della serata di domani i tenores si sono incontrati ancora una volta ieri pomeriggio per fare delle prove, per riscaldare le corde vocali della voce di Dino Ruiu, della mezza voce di Andrea Sella, della contra di Pierluigi Giorno e del basso di Mario Pira. Tra un canto a "isterrita" e uno a "boche notte" e tra un "ballu seriu" e un "ballu lestru" l'armonia vocale del canto arcaico di questi territori della Sardegna è riecheggiata nei viottoli del centro storico, nel cuore del paese dove si trova l'area museale che custodisce il museo Multimediale del canto a tenore: unica esperienza immersiva del genere in Sardegna e aperta tutti i giorni ai visitatori.

«Ormai ci siamo, dopo giorni di preparazione e di prove, non ci resta che entrare sulla scena del Teatro Ariston con tutta la forza e l'emozione necessaria. Lo faremo consapevoli di portare in mondovisione la ricchezza e la bellezza di una terra intera, che con il suo canto millenario affronta questa avventura artistica con sobrietà e serietà. Lo faremo sapendo che su quel palco non ci saranno solo i Tenores di Bitti e Mahmood, ma ci sarà il sacrificio e l'impegno di un'Isola in terra sarda e di tante piccole isole che ci seguiranno in famiglia o con gli amici dalle più svariate località del pianeta».

Così i Tenores di Bitti "Remunnu 'e Locu" che hanno aggiunto: «Il canto a tenore rimarrà sempre il canto del nostro mondo, delle nostre storie d'amore e delle proteste sociali, dei momenti di raccoglimento religioso e delle giornate di festa in cui si riuniscono le comunità. Grazie a Mahmood, domani sera, proveremo a condividerlo con tante persone in un modo diverso e alla pari con altri stili musicali», hanno concluso i Tenores.

Elezioni regionali 2024

Video

Verso il voto, Elly Schlein a Cagliari al mercato di San Benedetto: "Sanno di aver fatto un disastro e infatti hanno cambiato il candidato"

Le nostre iniziative