La Nuova Sardegna

Cinema

Francis Lai, Marisa Pavan, Nanny Loy, Franco Solinas: la Sardegna agli Oscar

di Alessandro Pirina
Francis Lai, Marisa Pavan, Nanny Loy, Franco Solinas: la Sardegna agli Oscar

Il compositore originario di Ozieri vinse per “Love story”. E stanotte l’isola tifa per le due nomination di Simone Coco

09 marzo 2024
5 MINUTI DI LETTURA





Stanotte tutta Italia fa il tipo per Matteo Garrone e il suo “Io capitano”, in corsa agli Oscar come miglior film internazionale. Ma in lizza per la statuetta c’è anche un altro italiano, il cagliaritano Simone Coco, che di nomination ne ha addirittura due, per “Mission: Impossible - Dead Reckoning” di Christopher McQuarrie e per “Napoleon” di Ridley Scott, entrambe per i migliori effetti speciali. Un’occasione storica per la Sardegna, che in 96 anni di Oscar solo una volta è riuscita a conquistare la statuetta più ambita del cinema con Francis Lai, compositore di colonne sonore nato in Francia ma originario di Ozieri, che nel 1970 vinse per l’indimenticabile “Love story”. Ma la prima volta di un sardo agli Oscar risale al 1956, quando Marisa Pavan, giovanissima attrice nata a Cagliari e gemella di AnnaMaria Pierangeli, all’epoca famosa in tutto il mondo per la sua storia con James Dean, ottiene la nomination come migliore attrice non protagonista per “La rosa tatuata”. Un ruolo che le era già valso il Golden Globe. Pavan, classe 1932 e scomparsa lo scorso 6 dicembre a 91 anni, rimasta a Cagliari solo fino al 1935 – ma vi tornò negli anni Cinquanta in viaggio di nozze insieme al marito Jean-Pierre Aumont, star del cinema francese – non vince la statuetta, che va invece a Jo Van Fleet per “La valle dell’Eden”, ma sale comunque sul palco per ritirare dalle mani di Jerry Lewis l’Oscar vinto dalla grande Anna Magnani come attrice protagonista, sempre per “La rosa tatuata”.

Per rivedere un sardo protagonista agli Oscar bisogna spostarsi al 1963, quando “Le quattro giornate di Napoli” di Nanni Loy finisce nella cinquina per il miglior film straniero. Come già era successo ai Golden Globe. La pellicola non vince, l’Oscar andrà al francese “L’uomo senza passato” di Serge Bourguignon, ma il film di Loy lascia il segno a Hollywood, tant’è che l’anno dopo, quando esce nelle sale cinematografiche americane, otterrà una seconda nomination, questa volta nella categoria miglior sceneggiatura originale, firmata oltre che da lui anche da Pasquale Festa Campanile, Vasco Pratolini, Carlo Bernari e Massimo Franciosa. Nella cinquina ci sono anche Federico Fellini ed Ennio Flaiano per “8 e mezzo”, ma a spuntarla sarà James R. Webb per “La conquista del West”. Ma a Hollywood non vogliono lasciarsi scappare il talento di Loy, considerato una sorta di nuovo Francesco Rosi, gli offrono contratti a tanti zeri, ma lui preferisce tornare a casa e dedicarsi alla televisione. E nel 1964 il regista cagliaritano lancerà in Italia la candid camera.

Sono gli anni del grande cinema italiano. Registi, attori e sceneggiatori italiani sono spesso inseriti nelle nomination. E nel 1969 all’ambito riconoscimento concorre anche Franco Solinas, sceneggiatore nato a Cagliari ma maddalenino doc. Il film è “La battaglia di Algeri” di Gillo Pontecorvo, che già due anni prima era stato candidato all’Oscar per il miglior film straniero, poi andato a “Un uomo una donna” di Claude Lelouch. Una volta che il film è uscito negli Stati Uniti, “La battaglia di Algeri” otterrà altre due nomination. Pontecorvo sarà candidato per la miglior regia (la statuetta andò a Carol Reed per “Oliver!”) e insieme a Solinas per la miglior sceneggiatura originale. La concorrenza è agguerritissima, c’è anche Stanley Kubrick per “2001: Odissea nello spazio”, ma l’Oscar se lo aggiudicherà Mel Brooks per “Per favore, non toccate le vecchiette”.

È il 1970 quando la statuetta più ambita del mondo arriva, in qualche modo, alla Sardegna. A portarla a casa è il compositore francese Francis Lai, figlio di un emigrato di Ozieri che negli anni Venti lasciò l’isola per cercare fortuna oltralpe. Lai viene scoperto da Claude Lelouch che nel 1966 gli affida la colonna sonora di “Un uomo una donna”, per cui ottiene la nomination ai Golden Globe. L’anno dopo replica con “Vivere per vivere”, sempre di Lelouch. Ma il grande successo, e la statuetta, arrivano nel 1970 con “Love story”. È l’artista di origine sarda a comporre le musiche che accompagnano la struggente storia d’amore tra Jennifer Cavalleri e Oliver Barrett, alias Ali MacGraw e Ryan O’Neal. Il film premiato al botteghino conquista anche l’Academy, che consegna l’Oscar a Lai. Il compositore, scomparso a Nizza nel 2018, è stato una sola volta a Ozieri insieme al padre: lui era già un nome di spicco del cinema, fu ricevuto in municipio ma non fece in tempo a vedere i parenti.

Ci sono voluti quasi trent’anni per vedere un altro sardo a un passo dall’Oscar. Anche in questo caso si tratta di una sarda d’origine, Fernanda Montenegro, nata a Rio de Janeiro nel 1929, la cui nonna Maria Francesca Pinna era di Bonarcado. L’attrice è una star del cinema e della tv brasiliana, volto celebre anche per le tante telenovelas che ha interpretato, alcune delle quali andate in onda anche in Italia. Nel 1998 Walter Salles la vuole in “Central do Brasil”. Un ruolo che le varrà la nomination all’Oscar come migliore attrice protagonista. La prima attrice brasiliana a ottenere un simile riconoscimento. Nella cinquina ci sono anche Cate Blanchett, Meryl Streep ed Emily Watson, ma a spuntarla sarà Gwyneth Paltrow per “Shakespeare in love”. Dieci anni fa la Montenegro, che nel 2007 è stata anche tra i protagonisti di “L’amore ai tempi del colera” di Mike Newell con Javier Bardem e Giovanna Mezzogiorno, è stata qualche giorno in Sardegna: tappe a Cagliari e Sassari, ma soprattutto nella sua Bonarcado, dove è stata ricevuta con gli onori di un capo di stato.

In Primo Piano
Incidente

Scontro fra auto in galleria sulla Nuoro-Lanusei: due feriti gravi

Le nostre iniziative