La Nuova Sardegna

Il premio

Le birre di Thiesi spopolano in Francia

di Daniela Deriu
Le birre di Thiesi spopolano in Francia

Quattro medaglie al concorso internazionale di Lione per i prodotti Isola

14 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Thiesi Tre medaglie d’oro e una d'argento al Concorso internazionale di Lione per il birrificio Isola di Thiesi, che ha partecipato alla manifestazione con quattro birre: oro per la bionda Pils a bassa fermentazione, per l’ambrata Pale Ale, per la nera Coffee Stout e argento per la ramata Session Ipa. Considerata da sempre la capitale della gastronomia francese, la città di Lione ospita ogni anno il Concorso internazionale dei vini, delle birre, dei liquori e dei distillati. Sostenuto da partner di rilievo tra cui Les Toques Blanches Lyonnaises, l'Association des Sommeliers Lyonnais et Rhône Alpes e la Région Auvergne-Rhône-Alpes, la città di lione, Only Lyon, il concorso comporta la degustazione di migliaia di prodotti provenienti da diversi paesi e premia i migliori vini, birre, liquori e distillati, nonché i migliori formaggi e latticini provenienti da tutto il mondo. Quest’anno il concorso ha valutato 10.391 campioni, provenienti da da 49 paesi. Per la categoria delle birre sono state degustat: birre ad alta fermentazione, a bassa fermentazione Lager, Stout/Porter, Frumento, Birre Aromatizzate e Speciali. Tra queste, le birre prodotte a Thiesi hanno rappresentato l'Italia classificandosi terzo posto tra i migliori produttori di birra dopo il Belgio (secondo classificato) e la Francia (prima in classifica).

Nato nel 2017 dall'idea comune dei soci di voler trasformare la passione per la birra in realtà col passare del tempo, oltre a conquistare numerosi concorsi internazionali, il birrificio Isola ha aumentato le capacità di produzione raggiungendo i 5000 ettolitri all'anno e sta espandendo fatturato e business. Lo ha dimostrato, nell’aprile del 2023 , l’inaugurazione del nuovo impianto, che ha richiamato tantissimi appassionati e addetti ai lavori del settorea. Il risultato conseguito nei giorni scorsi a Lione ha reso orgogliosi i produttori: «Conseguire quattro medaglie, su quattro birre proposte, ad un concorso così prestigioso ci riempie di gioia - commenta Giuseppe Manca, titolare del birrificio insieme agli altri soci Giovanni Fele, Giuseppe Manca, Antonio Manca e Gavino Piredda – soprattutto perché tra le birre premiate c'è anche la Pils, che è la birra più popolare e più prodotta in assoluto nel mondo».

Un risultato frutto delle fatiche dei titolari e della collaborazione con un eccellente specialista del settore: «Ringraziamo il nostro mastro birraio Mauro Firinu di Santulussurgiu, che da tre anni collabora con noi. Il suo lavoro unito al nostro ci ha consentito di produrre, insieme alle nostre, anche la Birra Nora di Oliena e aprire le porte al commercio oltre i confini della Sardegna». Diventare un'eccellenza completamente isolana sarà il prossimo obiettivo: «Vorremmo chiudere la filiera sarda con l’impiego di orzo, luppolo e malto, prodotti in Sardegna. Produrre una birra che sia al 100% sarda sarà il nostro prossimo step, che contiamo di raggiungere grazie alla collaborazione con la Coldiretti Sardegna».

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative