La Nuova Sardegna

Lavoro, oltre 18.000 posti creati da Amazon in Italia e il Piemonte

04 dicembre 2023
8 MINUTI DI LETTURA





Torrazza Piemonte, 4 dic. (Adnkronos/Labitalia) - Sono oltre 18.000 i posti di lavoro creati da Amazon in Italia e il Piemonte, con l’annuncio della futura apertura di un centro di approvvigionamento ad Alessandria, si rivela un’area sempre più strategica per l’azienda. Con lo scopo di creare un’ulteriore opportunità di ascolto e dialogo con le comunità locali in cui opera, Amazon ha deciso di aprire le porte del suo centro di distribuzione di Torrazza Piemonte a rappresentanti delle istituzioni e della comunità locale per condividere i risultati della nuova ricerca 'Il futuro del lavoro: viaggio attraverso la percezione del lavoro nell’Italia di oggi' commissionata dall’azienda a Ipsos con uno spaccato regionale. Lo studio nasce dalla volontà dell’azienda di mettersi in ascolto delle esigenze e delle opinioni dei lavoratori piemontesi al fine di sviluppare nuove prassi, migliorare e potenziare quelle già presenti per offrire ai dipendenti il luogo di lavoro migliore possibile. Per alimentare il confronto durante la presentazione dei risultati della ricerca Ipsos, Amazon ha avuto il piacere di ospitare anche il Professor Francesco Figari, docente ordinario presso il Dipartimento di Studi per l’Economia e l’Impresa dell’università del Piemonte Orientale, che ha commentato i risultati insieme ai ricercatori Ipsos e i manager Amazon offrendo una chiave di lettura più generale. “È per noi motivo di orgoglio aver ospitato questo nuovo incontro che celebra ancora una volta l’importanza di Amazon sul territorio piemontese e sottolinea l’attenzione dell’azienda verso i suoi dipendenti che sono sempre al centro di ogni decisione aziendale -afferma Matteo Conti, Site Leader del centro di distribuzione di Torrazza Piemonte- il motivo per cui abbiamo commissionato questa ricerca ad Ipsos è stato guidato dalla nostra aspirazione a diventare il miglior datore di lavoro del mondo”. “La collaborazione con Ipsos è stata inoltre l’occasione per sondare parallelamente le opinioni dei nostri dipendenti a livello italiano”, aggiunge Lorenzo Barbo, amministratore delegato di Amazon Italia Logistica. "Gli investimenti che mettono al centro le persone e il loro benessere -continua- sono quelli che generano sempre il risultato migliore sul lungo periodo. Cito solo due dati emersi da questa seconda indagine: il 76% dei nostri dipendenti apprezza del proprio posto di lavoro la formazione e crescita professionale, dato superiore sia ai risultati emersi a livello italiano (54%) che nell’approfondimento piemontese (46%) ed inoltre il 64% di loro si ritiene soddisfatto della retribuzione e dei benefit (vs 47% dato italiano e 52% focus Piemonte), dato assolutamente non scontato considerano il periodo inflattivo che stiamo vivendo”. “Quanto emerge dalla ricerca presentata è sicuramente in linea con le indicazioni relative al mercato del lavoro italiano che sta registrando un momento positivo. Guardando ad esempio al tasso di occupazione attualmente è al massimo storico, anche in Piemonte, e realtà industriali come questa di Amazon a Torrazza Piemonte contribuiscono certamente a tale andamento. Non ci sono però solo luci in questo scenario, ma anche alcune potenziali ombre come il fenomeno delle dimissioni volontarie. Questo potrebbe però anche essere interpretato come un segnale positivo nel momento in cui sono i giovani a decidere di lasciare il posto di lavoro a tempo indeterminato perché hanno la possibilità di trovare, sempre in questa regione, opportunità migliori”, commenta il Professor Francesco Figari. L’indagine Ipsos sul mondo del lavoro: opinioni e punti di vista dei lavoratori in Piemonte. L’83% dei lavoratori si reputa soddisfatto del proprio lavoro attuale. Tra i motivi di tale soddisfazione dopo l’aspetto realizzativo, continua ad essere preponderante il fattore retribuzione indicato dal 52% dei lavoratori piemontesi intervistati. Al terzo posto, la formazione e l’opportunità di crescita professionale. Inoltre, il 75% dichiara di riuscire facilmente a mantenere un bilanciamento tra vita privata e vita professionale nella sua attuale situazione lavorativa. Molte di queste caratteristiche ritornano anche nella descrizione del lavoro ideale. Sebbene la stabilità garantita da un reddito fisso e costante nel tempo rimanga un aspetto importante per oltre un piemontese su due, il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata è il fattore determinante anche quando si pensa al lavoro ideale. La meritocrazia e un clima positivo sul posto di lavoro vengono indicati da quattro piemontesi su dieci. In generale la metà dei lavoratori in Piemonte preferirebbe una modalità che consenta di affiancare il lavoro in presenza con quello da remoto (49%); interessante notare come il 37% degli intervistati dichiari comunque di preferire il lavoro completamente in presenza. Se il 65% degli intervistati ritiene che uno dei motivi principali per cui le aziende fanno fatica a trovare lavoro siano gli stipendi non congrui rispetto alle disponibilità o alle mansioni richieste, più di un lavoratore piemontese su due (55%) dichiara di cercare un’occupazione in linea con il proprio percorso di studi oppure capace di rispondere alle proprie passioni e desideri. Emerge quindi una maggiore presa di coscienza dei lavoratori che sono meno disposti ad accontentarsi e scendere a compromessi. L’evoluzione del lavoro negli ultimi anni Solo il 18% degli intervistati ritiene che il mondo del lavoro sia migliorato negli ultimi anni, mentre per il 58% è in generale peggiorato, soprattutto in riferimento a retribuzione, welfare e benefit (66%), ambiente di lavoro e valori aziendali (54%) e opportunità di formazione e carriera (52%). L’evoluzione del lavoro ha riguardato anche le professioni stesse: oltre 1 intervistato su 4 (28%) ha infatti dichiarato di svolgere un lavoro che dieci anni fa non esisteva in assoluto o all’interno dell’azienda. L’impegno per la creazione di posti di lavoro di qualità Amazon offre a tutti i dipendenti uno stipendio tra i più competitivi del settore. Da ottobre 2023 lo stipendio di ingresso per gli operatori di magazzino è stato fissato a 1.764 euro lordi al mese, moltiplicati per 14 mensilità nell'arco di un anno. Si tratta di un incremento del 21% rispetto al 2019 e le retribuzioni di ingresso sono superiori dell'8% rispetto ai livelli salariali previsti dal 5° livello del ccnl logistica, trasporto merci e spedizioni. A ciò si aggiungono benefit quali assicurazioni sanitarie e cure mediche private, sconti sugli acquisti su Amazon.it e buoni pasto per tutti i dipendenti. L’azienda si impegna ogni giorno per rendere sempre più sicuro il posto in cui le persone lavorano diffondendo la cultura della sicurezza, sostenendola con investimenti e progetti dedicati. Solo nel 2022, in Italia, sono stati investiti circa 7 milioni di euro ed erogate oltre 400.000 ore di formazione. Oltre 120 dipendenti sono dedicati esclusivamente alle attività di formazione delle persone, cui si aggiungono circa 3.300 i professionisti della sicurezza. Competenze, background professionali, attitudini, passioni e talenti completamente diversi tra loro si incontrano ogni giorno, in un confronto costante e un’apertura al dialogo che rappresentano un fattore chiave per creare quell’ambiente lavorativo sicuro, moderno e inclusivo in cui innovare. Da coloro che si affacciano al mondo del lavoro con poche esperienze pregresse a coloro che hanno conseguito un dottorato di ricerca, dai laureati agli apprendisti, fino a chi ha un'esperienza decennale, in tutta l'azienda ci sono oltre 400 tipologie di lavoro differenti attraverso le quali cui le persone possono sviluppare la propria carriera e avere un impatto positivo sulla vita dei nostri clienti. La diversità rappresenta un valore cardine che guida ogni decisione aziendale in Amazon e che permette all’azienda di poter offrire ai dipendenti un ambiente di lavoro confortevole, sicuro e inclusivo. Amazon offre opportunità di lavoro a persone di qualsiasi origine ed età: nelle sedi italiane sono rappresentate oltre 100 nazionalità e l’età media dei dipendenti è di 34 anni, sebbene non manchino persone di età più avanzata. Infatti, l’8% dei dipendenti ha più di 50 anni. Le donne rappresentano il 53% dei dipendenti presso gli uffici corporate a Milano, Torino, Roma e del customer service di Cagliari. All'interno della rete logistica sono il 35%, una percentuale superiore rispetto alla media nazionale del settore del trasporto e magazzinaggio pari al 21,8% secondo gli ultimi dati Istat. Questo ha permesso ad Amazon Italia di ottenere la certificazione di parità di genere per tutte le sue linee di business nel Paese. La certificazione attesta che l'azienda è conforme ai requisiti definiti per garantire un sistema realmente inclusivo che rispetti la diversità di genere sul posto di lavoro, sulla base di dati e obiettivi misurabili. In particolare, presso il centro di distribuzione di Torrazza Piemonte la rappresentanza di genere femminile raggiunge il 38,3%. Infine, ma non meno importante, nel 2022 Amazon ha lanciato un nuovo programma per l'inserimento di lavoratori Sordi all'interno dei suoi centri di distribuzione e smistamento in Italia. Grazie alla collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi e con gli uffici di collocamento locali, ad oggi 110 persone Sorde lavorano nei siti italiani. Anche il centro di distribuzione di Torrazza Piemonte è stato incluso nel progetto e vede oggi impiegati 10 lavoratori sordi. Sin dal suo arrivo in Italia, Amazon ha da sempre considerato il Piemonte una regione strategica. L’azienda conta 3.700 dipendenti assunti a tempo indeterminato ed è presente con tre centri di distribuzione a Torrazza Piemonte (TO), Agognate (NO) e Vercelli, tre depositi di smistamento a Grugliasco, Brandizzo e Alessandria, un sito Amazon Fresh e gli uffici Amazon Alexa a Torino. Inoltre, fiore all’occhiello, è lo European Operations Innovation Lab che ha sede all’interno del centro di distribuzione di Vercelli: il centro di Ricerca e Sviluppo da cui nascono molte delle innovazioni tecnologiche che vengono poi introdotte nei siti logistici dell’azienda in tutto il mondo. Il centro di distribuzione di Torrazza Piemonte conta sulla professionalità di 1750 dipendenti, tutti assunti con contratto a tempo indeterminato. Tra i lavoratori del centro di Torrazza è poi interessante notare come il 95% risieda in Piemonte, con una concentrazione particolare nella provincia di Torino (88%). A questa importante presenza sul territorio piemontese si aggiunge il recente annuncio di un nuovo centro di approvvigionamento ad Alessandria che porterà alla creazione di 400 nuovi posti di lavoro entro tre anni dall’apertura prevista entro la fine del 2024. Investimenti in Italia Dal suo arrivo in Italia nel 2010, Amazon ha investito oltre €16,9 miliardi creando 18.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, di cui 4.000 solo nel 2022, in 60 siti in tutto il Paese. Oltre ai nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato che l’azienda continua a creare, Amazon supporta imprenditori e chiunque intenda avviare un’attività in proprio, digitalizzare un’attività già esistente, oppure espandere il proprio business attraverso vari programmi: utilizzando il marketplace per la vendita o affidandosi alla rete di distribuzione di Amazon per lo stoccaggio e la consegna dei prodotti con la logistica di Amazon. Il totale dei posti di lavoro indiretti raggiunge la cifra record di 100.000 includendo i 60.000 posti di lavoro creati dalle piccole e medie imprese italiane che utilizzano i servizi di Amazon per far crescere il proprio business ed esportare i prodotti italiani nel mondo.
Trasporti

Continuità a due velocità, anticipo del volo non garantito con Aeroitalia

di Claudio Zoccheddu
Le nostre iniziative