La Nuova Sardegna

La Nuova @ Scuola
La Nuova @ Scuola

Sicurezza stradale, il telefono cellulare è un pericolo

di Francesco Langella*
Sicurezza stradale, il telefono cellulare è un pericolo

Alcuni addirittura stanno su Facebook col telefonino mentre sono alla guida

25 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Ogni anno in Italia si sente parlare di incidenti stradali e in questo ultimo periodo causati da noi giovani, ma perché proprio noi giovani?

Noi giovani si sa che ci piace uscire la sera , andare in discoteca ecc.. ecco , questo è uno dei tanti motivi del perché molti giovani non ritornano nelle proprie abitazioni, la maggior parte assume bevande alcoliche e non si rende conto della situazione in cui si trova, quindi questo provoca , riflessi lenti, aumento della velocità della vettura e poi ovviamente succedono le tragedie. In questi ultimi anni si è parlato molto anche dell' uso del cellulare alla guida , secondo un mio parere se un bambino vede il padre guidando col cellulare, il bambino quando sarà adulto lo farà anche lui. Ovviamente se si viene beccati ad usare il cellulare alla guida c'è una multa di circa 2.600 euro.

Nella guida in città ho notato molta distrazione da parte dei conducenti. Solo per fare un esempio mi è capitato di trovare molta gente col cellulare in mano, all'orecchio alcuni addirittura su facebook, ma oltre al cellulare c’è gente molto distratta , da poco mi è capitato che ad un incrocio una macchina è uscita senza guardare e io per non prenderla sono scivolato. Ho deciso di scrivere questo articolo per rivolgere un appello a tutti quelli che si mettono alla guida di un’auto, di una moto, di una bicicletta, di un monopattino. L’invito a tutti i guidatori, tra i quali comprendo anche me stesso, è quello di guardare sempre destra e sinistra gli specchietti e di indossare i vari sistemi di protezione, ad esempio le cinture di sicurezza. Con quel semplice gesto potreste salvarvi la vita.

*Francesco, autore di questo articolo sulla sicurezza stradale frequenta la 4A dell’Ipiadi Alghero
 

Elezioni regionali 2024
Il voto nell’isola

Elezioni regionali: la proclamazione a marzo, la prima seduta del Consiglio all’inizio di aprile

Le nostre iniziative