Punta Giglio borgate con il Comitato

Sa Segada e Tanca Farrà si schierano con il movimento spontaneo

ALGHERO . Il comitato delle borgate Sa Segada e Tanca Farrà al fianco del comitato spontaneo per Punta Giglio.

Secondo il comitato delle due borgate algheresi, «il compendio di Punta Giglio deve mantenere la sua originaria destinazione naturalistica, oltre alla fruizione pubblica; Altresì - proseguono - siamo convinti che sarebbe più utile valorizzare le borgate adiacenti al Parco di Porto Conte, pensiamo a Maristella e Guardia Grande, considerata la grande disponibilità di immobili che potrebbero mettere a disposizione per il pernottamento ed il ristoro, lasciando invece i locali di Punta Giglio solo per un utilizzo museale o di sosta contemplativa momentanea tra un percorso guidato e l’altro. Quei luoghi con splendidi panorami, sono ricchi di vegetazione spontanea, di animali e uccelli rarissimi, che se contaminati da occupazioni a fini di ristoro, rischierebbero l'estinzione o il reale ridimensionamento in termini numerici». La nota del comitato delle borgate Sa Segada e Tanca Farrà si chiude con una richiesta nei confronti dell'amministrazione comunale e dell'Ente Parco «affinché tutti i beni ricadenti all'interno del perimetro del parco, faro di Capo Caccia compreso, passino al più presto nella disponibilità del Parco stesso e quindi della città, e che il loro utilizzo sia finalizzato alla crescita del territorio, in simbiosi con le borgate, che sono e resteranno il più straordinario volano della ripresa economica che Alghero possiede». (n.n.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes