«Il sindaco deve sostituire Di Gangi»

Caso Fondazione Alghero: Forza Italia chiede l’allontanamento dell’assessore

ALGHERO. Di Gangi ha sbagliato, il sindaco Conoci deve intervenire per il bene della coalizione. Non basta il ritiro delle deleghe assessoriali. Questo in sostanza il significato della nota divulgata ieri da Forza Italia (sottoscritta dal coordinatore, dal direttivo e dal gruppo consiliare) che fa intendere che la presenza di Di Gangi in giunta non è gradita dopo la contestazione da parte dell'assessore e i pareri del segretario generale del comune di Alghero e del responsabile della prevenzione della corruzione della Fondazione che sanciscono la compatibilità dei ruoli del presidente della Fondazione Alghero Andrea Delogu.

Da Forza Italia si dicono «sorpresi e amareggiati per la contestazione fatta con metodi inusuali in piena stagione turistica e in concomitanza con la presenza del Presidente della Repubblica Mattarella». La nota prosegue definendo la provocazione di Di Gangi come immatura e che «riguarda questioni che attengono proprio alle deleghe di Di Gangi, che bene avrebbe fatto a impegnarsi per tempo su questo fronte per sciogliere i nodi evidenziati, piuttosto che muovere un attacco frontale alla Fondazione e alla maggioranza tutta». Forza Italia ritiene si tratti di un boomerang generatore di problemi di immagine della maggioranza e di una ingiustificata fosca cappa di illegittimità della nostra azione amministrativa». In chiusura di nota, i forzisti si rivolgono direttamente a Mario Conoci chiedendo, in sintesi, la sostituzione di Di Gangi, garantendo il sostegno con idee, proposte e progetti. (n.n.)



WsStaticBoxes WsStaticBoxes