La "ministra" catalana ad Alghero: "La detenzione di Puigdemont è illegale, sono fiduciosa nella giustizia italiana"

Victoria Alsina "ministra" del governo catalano ad Alghero col sindaco Mario Conoci (foto Mauro Chessa)

L'arrivo di Victoria Alsina era previsto per la festa catalana nella Riviera del corallo, nel pomeriggio di oggi 24 settembre l'incontro col presidente Solinas

ALGHERO. Victoria Alsina, la docente universitaria "ministra" dell’azione esterna e del governo aperto della Catalogna è arrivata ad Alghero dove è stata ricevuta dal sindaco Mario Conoci. Il suo arrivo era già previsto per la festa sulla Catalogna programmata per queste giornate. Ai giornalisti ha dichiarato di "avere massima fiducia nel fatto che la giustizia italiana si uniformerà alla giustizia europea come hanno fatto Germania e Belgio".

Nel pomeriggio Alsina incontrerà il presidente Christian Solinas nel pomeriggio e ha affermato che "ci si sta muovendo a tutti i livelli per bloccare una detenzione ingiusta e illegale".

A proposito delle polemiche sull'arresto del leader catalano proprio nel territorio italiano: «C'è un mandato di arresto europeo, stiamo nella comunità e lo dobbiamo eseguire - ha dichiarato il sottosegretario Franco Gabrielli - E questo non cambia anche di fronte al mancato arresto in Francia. I francesi fanno i francesi e noi facciamo gli italiani. Peraltro c'è stato questo controllo in frontiera, è stato messo nella disponibilità dell'autorità giudiziaria. Viviamo in uno stato di diritto. È ovvio che sono delle situazioni che magari tutto sommato non preferiremmo mai trattare però nemmeno possiamo sottrarci perché nel nostro Paese vige ancora un diritto».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes