La Guardia costiera forma i “cittadini del mare”

Incontro con gli studenti delle scuole medie insieme al personale dell’Area marina protetta

ALGHERO. Gli studenti della scuola media dell’istituto comprensivo numero 1 hanno incontrato la Guardia costiera e il personale dell’Area Maria Protetta Capo Caccia - Isola Piana nell’ambito del progetto “Cittadinanza del mare - scogli plastici”.

Un incontro emozionante per i giovanissimi studenti algheresi che hanno visitato l’area museale di Casa Gioiosa a Tramariglio e, allo stesso tempo, conoscere da vicino l’attività svolta dalla Guardia costiera a tutela dell’ambiente marino. L’evento si svolto venerdì scorso. Presente il comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo algherese, Giuseppe Tomai che ha accompagnato gli studenti a visitare e vedere da vicino una delle motovedette in dotazione, ormeggiata nei pontili di Tramariglio. Successivamente, presso l’aula conferenze di Casa Gioiosa, si è svolto un incontro con il personale che opera attivamente all’interno dell’Area Marina Protetta. La conferenza, svolta da un team di sottufficiali dell’Ufficio Circondariale e da Carmen Spano, referente dell’Area Marina, è stata incentrata sulla tutela dell’ambiente marino e sulla sicurezza in mare, al fine di sensibilizzare, nell’ambito del progetto "Cittadinanza del mare - Scogli plastici", i giovani discenti sulle predette tematiche. Inoltre, durante la visita, sono stati illustrati ai ragazzi il ruolo ed i compiti delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera relativi alla salvaguardia dell’ambiente.

«L’obiettivo primario - ha detto il comandante Giuseppe Tomai - è quello di sensibilizzare i più giovani al corretto uso del mare e delle spiagge, tramite una nuova campagna tesa a diffondere la cultura sulle predette tematiche e far conoscere al meglio l’organizzazione della Guardia costiera». (n.n.)



WsStaticBoxes WsStaticBoxes