La Nuova Sardegna

Cagliari

Patto di stabilità, niente vincoli di spesa nel 2015

Patto di stabilità, niente vincoli di spesa nel 2015

Accordo Governo-Regione Sardegna a Roma anche per il 2014. Pigliaru: «Risultato importante»

29 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Dal 2015 la Regione Sardegna potrà utilizzare tutte le proprie entrate per gli investimenti e lo sviluppo, mentre per il 2014 sarà definito entro 10 giorni l'ampliamento dello spazio finanziario fuori dal Patto di stabilità come richiesto dal governatore Francesco Pigliaru.

È un primo dettaglio che emerge dall'intesa raggiunta oggi a Roma nel tavolo politico tra lo stesso governatore e il sottosegretario della Presidenza del Consiglio, Graziano Del Rio. La Sardegna ha proposto di liberare dai vincoli del Patto 1,2 miliardi di euro che vanno a sommarsi ai 2,4 miliardi che la Regione può spendere in virtù della spesa storica.

«Il risultato importante dell'incontro di oggi – ha detto Pigliaru – è l'impegno che il Governo ha preso nei confronti della Regione Sardegna di cancellare definitivamente, a partire dal 2015, l'assurdo vincolo del Patto di stabilità che ha sinora impedito di utilizzare tutte le nostre entrate».

All’incontro, oltre a Delrio, hanno partecipato il ministro dell'Economia, Pietro Carlo Padoan, il ministro per gli Affari regionali, Maria Carmela Lanzetta, e l'assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci.

«Dal 2015 tutte le nostre entrate potranno essere totalmente usate per finanziare le politiche di sviluppo dei nostri territori - spiega il presidente della Sardegna - L'adozione della regola del pareggio di bilancio definisce finalmente un quadro di buon senso che ci attribuisce piena responsabilità nella gestione efficiente delle nostre risorse e che ci incentiva ad utilizzarle con la massima attenzione».

In Primo Piano
Il soccorso

Giovane amazzone cade da cavallo alla processione di Beata Maria Gabriella a Nuoro: è grave

Le nostre iniziative