La Nuova Sardegna

Cagliari

Decimoputzu, il parroco se la prende con i gay e manda il video su Youtube

Don Massimiliano Pusceddu
Don Massimiliano Pusceddu

L'omelia di domenica 28 maggio ha fatto esplodere le visualizzazioni. Don Massimiliano Pusceddu si è espresso con parole durissime contro gli omosessuali

08 giugno 2016
2 MINUTI DI LETTURA





DECIMOPUTZU. Gli omosessuali, stando al giudizio di Dio, meritano la morte. Questo il passaggio più sconcertante contenuto nella predica di don Massimiliano Pusceddu - parroco di Decimoputzu che, lo scorso 28 maggio 2016, si è scagliato contro la legge sulle Unioni civili. Una norma «sbagliata» perché contraria alla Bibbia che è parola dell’Altissimo.

Dopo aver puntato il dito contro i gay, il prete ha fatto riferimento alla teoria «gender che sta entrando nelle scuole» e che, a suo dire, insegnerebbe ai bambini solo «porcherie». E per dare forza alla sua idea che don Max - come in tanti lo chiamano - ha preso in mano la Bibbia per leggere ai suoi fedeli una lettera di San Paolo ai romani, che tratta dei pagani: «Un passo profetico», come ha sottolineato durante la predica poi diffusa su Youtube (vedi qui sotto). «Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami».

Gli omosessuali sono «colmi di ogni ingiustizia, malvagità, cupidigia, malizia, pieni d’invidia, di omicidio, di lite, di frode, di malignità, diffamatori, maldicenti, nemici di Dio» e molte altre caratteristiche negative. E in più: «Pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo le commettono, ma anche approvano chi le fa».

Per il sacredote si tratta di un passaggio che legge bene i nostri tempi, che non va letto con le lenti della storia, anzi: «È proprio questo che noi siamo chiamati a predicare». Il prete - ex esorcista, ex pugile a capo del movimento Apostoli di Maria - durante altre omelie ha anche aspramente criticato l’appena scomparso Marco Pannella e l’accoglienza «sfrenata» dei migranti.

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative