La Nuova Sardegna

Cagliari

L'ironman sardo Roberto Zanda è di nuovo a casa

L'ironman sardo Roberto Zanda è di nuovo a casa

Arrivato lunedì notte a Elmas, testerà in Sardegna gli arti bionici: il suo obiettivo è quello di ritornare a correre

26 giugno 2018
1 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. È ritornato in Sardegna dopo quasi cinque mesi e dopo aver visto il sogno di conquistare la Yukon Artic Ultra, la maratona estrema lungo i ghiacci del Canada, diventare un incubo che gli è costato l'amputazione degli arti. Roberto "Massiccione" Zanda, l'extreme runner cagliaritano, è arrivato all'aeroporto di Elmas ieri sera intorno alle 22, proveniente da Torino.

[[atex:gelocal:la-nuova-sardegna:cagliari:cronaca:1.17003582:Video:https://video.lanuovasardegna.it/locale/bagno-di-folla-a-cagliari-per-il-ritorno-dell-ironman-zanda/96205/96659]]

«Torno a casa - aveva detto nel corso della conferenza stampa al Cto di Tornino - voglio fare una cena sarda e, soprattutto, voglio abbracciare i miei amici e riposarmi non prima di promettervi che tornerò a correre». Già oggi sarà al Brotzu per una serie di visite, con in testa l'idea di ritornare in gara.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative