Tassa rifiuti, a Cagliari la seconda tariffa più alta d'Italia

La media nel capoluogo regionale è di 481 euro all'anno, in Sardegna invece è di 340 euro

CAGLIARI. Nonostante una leggera diminuzione della Tari 2020, Cagliari è al secondo posto tra le città italiane con la tassa sui rifiuti più alta, con una media di 481 euro. Più salata di quella del capoluogo sardo c'è soltanto la tassa che si paga a Catania (504 euro), mentre la città più economica è Potenza, con una media di 121 euro. La media italiana è di 300 euro, la regione in cui si rileva la spesa più bassa è il Trentino Alto Adige (193), mentre la regione con la spesa più elevata resta la Campania (419).

In Sardegna la media è di 340 euro, 5 euro in meno rispetto al 2019 (-1,5%). Secondo il rapporto Rifiuti urbani 2019 dell'Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), gli italiani nel 2018 hanno prodotto 30,2 milioni di tonnellate di rifiuti urbani (+2% rispetto al 2017). La maggioranza dei rifiuti urbani è prodotta al Nord (47,5%) seguito dal Sud (30,5%) e infine dal Centro (22%).

La media nazionale di raccolta differenziata ha raggiunto il 58,1% (+2,6 punti percentuale rispetto al 2017) mentre il 22% finisce in discarica. A livello di aree geografiche, primeggia in raccolta differenziata anche in questo caso il Nord (67,7%) seguito da Centro (54,1%) e Sud (46,1%). Le percentuali più elevate e al di sopra del 70% si registrano in Veneto (73,8%), Trentino Alto Adige (72,5%), Lombardia (70,7%); le più basse e sotto la soglia del 40% in Sicilia (appena il 29,5%) e Molise (38,4%). (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes