La Nuova Sardegna

Cagliari

Al San Giovanni di Dio

Anche la comunicazione è uno strumento di cura: a Cagliari una giornata per malati e operatori sanitari


	L'oncologa Cristina Deidda
L'oncologa Cristina Deidda

Musica, riflessioni, medicina narrativa per ricostruire relazioni che la malattia interrompe o rende difficili

23 novembre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari La comunicazione come strumento di cura. È dedicata a questo tema l'iniziativa promossa dal Centro cure palliative e del dolore del San Giovanni di Dio, in programma sabato 26 novembre, alle 10, al Policlinico Duilio Casula (secondo piano, blocco C, fronte locali ex biblioteca) dell'Aou di Cagliari. Una giornata di riflessioni e musica, dedicata ai malati ma anche agli operatori sanitari e a cui prenderanno parte anche i gruppi di pazienti oncologiche "Mai più sole contro il tumore ovarico" e "Gruppo Abbracciamo un Sogno" e i cantanti Fabrizio Mura e Silvia Corrias.

"Comunicare - spiega Cristina Deidda, oncologa del Centro cure palliative e del dolore - è prima di tutto inteso nel suo significato più profondo: 'mettere in comune' una serie di informazioni. Mettere in comune indica già una biunivocità. La comunicazione non può essere monodirezionale: richiede conoscenza di chi ho di fronte, significa condividere la propria umanità". La malattia, aggiunge l'oncologa, "rompe un ordine e la comunicazione fra i due attori (sanitario e assistito) permette, anche con la medicina narrativa, di ricostruire la relazione e il processo di cura". Attenzione al paziente: "C'è una differenza - conclude Deidda - tra il curare e il prendersi cura. Il medico presta attenzione e ascolto, coinvolge il paziente e condivide la propria umanità con lui e considera il tempo della comunicazione importante quanto il tempo di cura".

In Primo Piano
Viaggi da incubo

Napoli-Olbia cancellato, il racconto di un passeggero: «Abbandonati da easy Jet senza assistenza»

di Serena Lullia

Video

Salmo libera in mare l'aragosta proposta al ristorante: "Ci siamo guardati negli occhi, non ho potuto mangiarla"

Le nostre iniziative