La Nuova Sardegna

Cagliari

Criminalità

In auto hascisc e cocaina, due persone arrestate a Capoterra

In auto hascisc e cocaina, due persone arrestate a Capoterra

Denunciata una terza persona

19 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Capoterra Hascisc, cocaina e denaro, i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Cagliari hanno arrestato due persone, e successivamente denunciato una terza, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso di un normale controllo alla circolazione stradale ieri sera 18 gennaio hanno fermato una Volkswagen Golf con due persone a bordo, un quarantenne di Pula, Marco Casti, operaio saltuario alla Saras, e un ventunenne di Villa San Pietro, Roberto Ecca, aiuto elettricista. Sono stati fermati ieri sera 18 gennaio mentre percorrevano la strada statale 195 all'altezza della rotatoria di Maramura. All'interno del mezzo i militari dell'Arma hanno rinvenuto due panetti di hascisc per un totale di 200 grammi e 330 euro in banconote di vario taglio, verosimile provento di attività di spaccio.

La perquisizione è stata successivamente estesa all'abitazione del quarantenne, dove è stato rinvenuto materiale vario per il confezionamento dello stupefacente in dosi, mentre nell'abitazione del ventunenne dove era presente anche il fratello minore di un anno, sono stati rinvenuti a carico di quest'ultimo 18 bustine termosaldate, contenenti cocaina per un totale di 12,9 grammi, quattro semi di canape indiana, e 480 euro in banconote di vario taglio, mentre a carico del fratello più anziano sono state rinvenute 12 bustine termosaldate in cellophane contenenti cocaina, per un totale di 6 grammi circa, 14 semini di canapa, 2,2 grammi di hashish circa e 13.555 euro in banconote di vario taglio.

Al termine della redazione dei verbali descrittivi di quanto accaduto, i primi due fermati sull'auto sono stati ristretti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, in attesa del giudizio con rito direttissimo che si è svolto in mattinata presso il Tribunale di Cagliari, mentre il ventenne è stato denunciato a piede libero in quanto incensurato. Casti e a Ecca il giudice ha dato l’obbligo di presentazione in caserma e al ventunenne obbligo di non lasciare il paese di residenza. Per entrambi le deroghe per motivi di lavoro.(l.on)

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative