La Nuova Sardegna

Cagliari

La protesta

Marcia dei trattori, a Cagliari centinaia di agricoltori e pastori da tutta l’isola

di Andrea Massidda
Marcia dei trattori, a Cagliari centinaia di agricoltori e pastori da tutta l’isola

La battaglia è contro le politiche comunitarie adottate e previste per il comparto agricolo, alcune delle quali in discussione in questi giorni a Bruxelles

30 gennaio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Le imposizioni da parte dell'Unione europea sul tipo e la quantità (a volte pari a zero) dei prodotti da coltivare. Tutto in cambio di sussidi che arriverero sempre troppo tardi e - secondo qualcuno - con l'obiettivo di far abbandonare il lavoro nelle campagne a favore di multinazionali interessate all'energia alternativa.

Sono alcuni dei motivi che stamattina hanno spinto centinaia di agricoltori e pastori giunti da tutta la Sardegna a manifestare, anche a bordo dei loro trattori, davanti al porto di Cagliari. In particolare, all'ingresso del molo Dogana è stato rallentato il passaggio dai Tir destinati ad imbarcarsi per la penisola.

La battaglia è dunque contro le politiche comunitarie adottate e previste dall’Ue per il comparto agricolo, alcune delle quali in discussione in questi giorni a Bruxelles.

La rivolta, iniziata a Parigi nei giorni scorsi, si sta estendendo in tutta Europa. A Cagliari il presidio dovrebbe rimanere almeno per i prossimi cinque giorni e ai manifestanti si sono uniti anche gli studenti dell'Istituto agrario di Cagliari-Elmas.

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative