La Nuova Sardegna

Cagliari

Edizione XXXII

Concorso Ercole Olivario a Perugia: gli olii fruttati della Masoni Becciu di Villacidro al primo e secondo posto

di Piero Marongiu
Concorso Ercole Olivario a Perugia: gli olii fruttati della Masoni Becciu di Villacidro al primo e secondo posto

L'aziende vince la gara per la sesta volta consecutiva

06 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Perugia Proclamati oggi 6 aprile nella città umbra, nella Sala dei Priori, gli oli extravergine di oliva vincitori della XXXII edizione dell’Ercole Olivario, il concorso nazionale dedicato alle eccellenze olearie italiane. A fare da mattatore l’azienda di Villacidro Masoni Becciu, degli agronomi Valentina Deidda e Nicola Solinas, che si sono aggiudicate il primo premio con Cuncordu nella categoria Fruttato Intenso, e il secondo con Cuncordu per la categoria Fruttato medio. «Con emozione ed orgoglio vinciamo il sesto Ercole Olivario consecutivo – dice Nicola Solinas -. Questo Tempio lo dedichiamo al sorriso di tutte le donne che soffrono e lo consegniamo a nostro figlio e con lui a tutti i ragazzi Sardi perché attraverso la coltivazione della terra possano raccogliere soddisfazioni Nazionali ed Internazionali, come è accaduto a noi».

L’Ercole Olivario arriva a coronamento di un anno ricco di soddisfazioni per l’azienda Villacidrese, che ha vinto con Alphabetum il premio come miglior olio Evo al Mondo nel concorso Sol di Verona, dove si è aggiudicato anche un terzo posto con Ispiritu Sardu, si è anche aggiudicato il primo premio assoluto come miglior olio Novello al mondo al Biol e il terzo posto come miglior olio Bio al mondo, vincendo anche il primo premio “best Insular” e miglior olio D’Europa d’Italia al Magnifico di Firenze.

Ancora Nicola Solinas: «Questi premi evidenziano il ruolo di primaria importanza del settore olivicolo sardo nell'ambito agroalimentare, sia a livello nazionale che regionale. Nonostante le difficoltà dovute all’insularità e alla concorrenza sul mercato, nonché ai cambiamenti climatici, la Sardegna continua a produrre olio di altissima qualità, considerato dagli esperti del settore e dai consumatori il migliore d’Europa e del Mondo. È fondamentale, però, che le istituzioni riconoscano e supportino l'importanza del comparto agricolo sardo, ne garantiscano la crescita e promuovano la tradizione e l'eccellenza dei nostri prodotti».

Il Premio è organizzato dall’Unione Italiana delle camere di commercio, industria artigianato e agricoltura, in collaborazione in collaborazione con la Camera di Commercio dell’Umbria, il Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, il Ministero delle imprese e del Made in Italy, Agenzia ICE e gode del sostegno del Consorzio Olivicolo Italiano, di Italia Olivicola e del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, Centro di Ricerca Ingegneria e Trasformazioni agroalimentari di Pescara. 

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative