La Nuova Sardegna

buggerru

Un osservatorio provinciale per prevenire le alluvioni

BUGGERRU. Prevenzione del rischio alluvioni, parte il presidio del bacino del rio Mannu. L’associazione di volontariato e protezione civile “Big Fish” garantirà il presidio territoriale, idraulico e...

23 febbraio 2013
1 MINUTI DI LETTURA





BUGGERRU. Prevenzione del rischio alluvioni, parte il presidio del bacino del rio Mannu. L’associazione di volontariato e protezione civile “Big Fish” garantirà il presidio territoriale, idraulico e idrogeologico nel distretto nord della provincia di Carbonia Iglesias. Tutta la vallata di rio Mannu, rio Antas e rio Bega saranno così sotto la lente di osservazione della Provincia. L’associazione “Big Fish” ha aderito al progetto del’ente intermedio, che nell’ambito delle proprie competenze ha predisposto un sistema di monitoraggio del territorio con la definizione di punti ed aree di presidio idraulico ed idrogeologico. Il progetto prevede la collaborazione con l’ispettorato ripartimentale di Iglesias e con le associazioni di volontariato di protezione civile, operanti nel territorio, iscritte al coordinamento provinciale e censite dalla direzione generale della protezione civile. Gli operatori dell’associazione “Big Fish” dovranno effettuare monitoraggi in tempo reale e attivare le iniziative di propria competenza per contrastare situazioni di pericolo lungo tutto il bacino fluviale. Tutte le attività di coordinamento sono state affidate al coordinamento provinciale del volontariato di Protezione Civile, che prevede tra le altre cose «la possibilità di impiegare risorse umane e professionali, attrezzature e mezzi in possesso delle associazioni di volontariato per far fronte alle attività di previsione, prevenzione e all’eventuale soccorso alle popolazioni». L’area di competenza dell’associazione di Buggerru è un’area definita a rischio 4 (molto alto).

Francesco Carta

In Primo Piano
Allarme sicurezza

Sassari, panico a San Donato: nigeriano spara in aria con una pistola

Video

Europeade del folklore, Alessandra Todde: «Nuoro al centro della cultura europea»

Le nostre iniziative