Addio al silos nel porto di Cagliari, pezzo di storia industriale ma anche mastodonte antiestetico

CAGLIARI. E' cominciata la demolizione del silos del Consorzio agrario provinciale, dichiarato inagibile nel 2011 e per il quale si è tentato inutilmente di trovare una proposta di riqualificazione. La scelta di riqualificarlo non era solo dettata dalla intenzione di preservare un manufatto ormai di archeologia industriale, ma anche di evitare la spesa, un milione di euro, e le difficoltà per abbatterlo. L'addio al monumentale edificio sulla Riva di Ponente nella zona ovest dello scalo andrà a beneficio con tutta probabilità del turismo crocieristico perchè libera un'area di pregio molto vasta a ridosso delle banchine per le navi crociera. Il silos, una volta uscito dalla catena produttiva, è stato per anni al centro del dibattito sulla qualità paesaggistica dell'affaccio a mare sul porto della città. La sua sparizione restituisce un profilo antico al complesso via Roma-Castello, il colpo d'occhio che hanno i turisti quando arrivano a Cagliari via mare ed entrano al porto ma anche per chi si muove lungo la statale 195.
(foto e testo di Mario Rosas)

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes