La Nuova Sardegna

Il caso

Camorra: si è pentito Francesco "Sandokan" Schiavone, il boss dei Casalesi

Camorra: si è pentito Francesco "Sandokan" Schiavone, il boss dei Casalesi

È malato di cancro e da poco è stato trasferito nel carcere di L'Aquila

29 marzo 2024
1 MINUTI DI LETTURA





CASERTA. Sì è pentito il boss dei Casalesi Francesco Schiavone. A riportare la notizia è l'edizione cartacea del quotidiano "Cronache di Caserta". Il 70enne, soprannominato “Sandokan”, è detenuto al 41 bis da ormai 26 anni, quando fu arrestato nel 1998.

Schiavone, che fu condannato nel maxi processo Spartacus, è malato di cancro e da poco è stato trasferito nel carcere di L'Aquila. È il secondo capoclan dei Casalesi a pentirsi, dopo Antonio Iovine, il quale ha iniziato a collaborare con i giudici nel 2014.

Anche due figli di Sandokan sono diventati collaboratori di giustizia già da qualche anno: Nicola, pentito dal 2018, e Walter, che ha iniziato a collaborare dal 2021. 

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative