Controlli sulle norme antincendio

Tortolì, il Comune ha imposto la pulizia vicino alle strade e il ritiro dei rifiuti

È stata firmata lo scorso 13 maggio l’ordinanza sindacale per il taglio, la pulizia delle erbacce e lo sgombero dei rifiuti solidi urbani. Ma non tutti pare l'abbiano seguita. Per cui proseguono i controlli, anche per evitare pericoli di incendi. In caso di mancato rispetto, è prevista una sanzione amministrativa che va da un minimo di 1.032 euro a un massimo di 10.329.

Nello specifico era stato imposto ai proprietari e possessori di aree presenti nell’abitato del Comune di Tortolì di provvedere entro lo scorso 15 giugno al taglio e alla pulizia delle erbacce e allo sgombero dei rifiuti solidi urbani. È stato fatto anche obbligo di ripulire i terreni entro una fascia di almeno tre metri limitrofa alla strada e provvedere a tenere regolate le siepi e a potare i rami delle piante che si protendono oltre il ciglio della strade, restringendo le carreggiate. Ai possessori è stato anche imposto inoltre di spostare qualsiasi tipo di rifiuto, che dovrà essere immediatamente avviato al recupero o allo smaltimento. Le prescrizioni resteranno in vigore durante tutto il periodo in cui vige il rischio elevato di incendio boschivo, ovvero fino al 15 ottobre.

«Per i controlli – è stato precisato in una nota – il Comune si avvale delle forze dell'ordine del personale del comando di polizia municipale. In caso di mancata osservanza il Comune può provvedere con l’addebito al proprietario inadempiente delle spese sostenute per i lavori di bonifica». (l.cu.).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes