Decalogo per tutelare l’ambiente

Ordinanza del sindaco Chirra: sanzioni severe per i trasgressori

LEI. Decalogo del comune di Lei per la tutela del verde pubblico e dell'arredo urbano. Il sindaco Marcella Chirra ha emesso un ordinanza per invitare i cittadini (residenti e non) ad avere maggiore cura e rispetto dell'ambiente. Per questo motivo ha diramato un provvedimento che elenca i dieci punti, ai quali tutti si dovranno attenere per evitare di incorrere nelle sanzioni amministrative previste per i trasgressori. Sanzioni pecuniarie che nella misura ridotta arrivano fino a 166 euro. Queste le regole di divieto contenute nel “decalogo”.

1) Gettare rifiuti, oggetti o sostanze liquide o solide che comportino la deturpazione o l'imbrattamento delle vie pubbliche. 2) Imbrattare con qualsiasi sostanza il suolo pubblico, le opere e i manufatti di arredo urbano. 3) Gettare, depositare o abbandonare carte, bottiglie, contenitori e qualsiasi tipo di rifiuto al di fuori degli spazi (uscio di casa) e orari stabiliti dall'amministrazione comunale. 4) Gettare rifiuti dai veicoli in sosta o in movimento. 5) Abbandonare qualsiasi tipo di rifiuto nel territorio comunale. 6) Posizionare nelle aree pubbliche casonetti o contenitori di qualsiasi genere. 7) Distribuire volantini a scopo pubblicitario sugli usci delle abitazioni e sui veicoli. La distribuzione dei volantini dovrà avvenire esclusivamente nelle cassette postali oppure con consegna a mano. 8) Effettuare riparazioni meccaniche dei veicoli nelle aree pubbliche. 9) Adibire terreni privati all'interno del centro abitato a deposito di veicoli o di parti di esse. 10) Chiudere i fabbricati disabitati. (t.c.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes