È di Bussu il formaggio migliore

Il pastore si è classificato primo al concorso “Su primu frore”

OLLOLAI. “Su primu frore” è del pastore di Ollolai, Gianfranco Bussu. Si è classificato primo, infatti, nel concorso popolare che si è tenuto all’interno della manifestazione “Autunno in Barbagia”, in programma dall’11 al 13 ottobre, per scegliere il miglior formaggio “Fiore sardo” della Barbagia. La giuria era popolare, composta cioè da tutti gli assaggiatori spontanei, oltre 500, che si sono presentati davanti ai tavoli dove erano esposti i formaggi dei pastori barbaricini, composti da latte crudo di pecora, con caglio di agnello o di capretto e lavorati artigianalmente con le mani dai pastori stessi. In sostanza il tipico formaggio prodotto soprattutto dagli allevatori della Barbagia, anche quelli transumanti che ha già avuto il riconoscimento di formaggio Dop. La gara, se così si può definire, si è tenuta quindi nel corso delle “cortes apertas” che a Ollolai hanno il titolo di “Pastores tenores”, appuntamento annuale dove si celebra il pastoralismo e l’identità dei sardi. Il formaggio del pastore ollolaese Gianfranco Bussu, appunto, con azienda a Macomer, ha battuto sul filo di lana quello del fratello Salvatore e quello di Giuseppe Angelo (Peppe) Marchi, di Gavoi. La media voto per i tre è stata, in ordine di: 8,3, di 7,9 e di 7,8.

Grande soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori del comitato “Pastores tenores”, affiancati dall’amministrazione comunale e dalla Pro loco. L’idea è quella di farne un appuntamento annuale alla quale affiancare le azioni di marketing necessarie per promuovere il prodotto principe della Barbagia di Ollolai.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes