Vigilanza all’Agraria di Bara, la giunta delibera 13mila euro

MACOMER. Il comune di Macomer farà la sua parte per garantire la vigilanza della scuola agraria di Bara e impedire che il vandalismo la riduca nello stato in cui l’hanno trovata negli anni scorsi le...

MACOMER. Il comune di Macomer farà la sua parte per garantire la vigilanza della scuola agraria di Bara e impedire che il vandalismo la riduca nello stato in cui l’hanno trovata negli anni scorsi le amministrazioni che si sono succedute alla guida dell’ente. Dopo la cessazione dell’attività didattica della scuola erano rimasti solo i muri. Nei giorni scorsi la giunta comunale ha deliberato la concessione di un contributo di 13mila euro alla fondazione dell’Istituto tecnico superiore, che si farà carico della parte restante del costo. La scuola agraria di Bara è un gioiello che recuperato negli anni scorsi. Era stato inizialmente affidato alla società Tamuli per realizzare una serie di progetti, rimasti sulla carta. L’anno scorso si è deciso di affidarla alla fondazione dell’Istituto tecnico superiore, che lo utilizzerà inizialmente come foresteria per gli studenti fuori sede e per i professori che vengono da fuori. L’obiettivo è però quello di trasferirvi la scuola e di creare un campus. Questo non appena l’Its disporrà delle risorse necessarie. Per farlo è però indispensabile mantenere il complesso in buono stato. Basta allentare la vigilanza per dare mano libera a predatori e vandali che in passato non hanno lasciato neppure le finestre nei cardini. La struttura dispone di tutto ciò che serve per l’accoglienza degli studenti. (t.g.t.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes