La Nuova Sardegna

Nuoro

Marras in concerto per far rivivere il monte Ortobene

di Stefania Vatieri
Marras in concerto per far rivivere il monte Ortobene

Grande successo per l’evento del comitato Ultima spiaggia La soddisfazione del presidente: «Così si rilancia il parco»

30 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





NUORO. È stato un grande successo quello riscosso sabato sera da Piero Marras nell’incantevole cornice del Monte Ortobene. L’ evento culturale, organizzato dal comitato di cittadini “Monte Ortobene-Ultima spiaggia” fa parte dei quattro appuntamenti di “Pro su Monte” in programma da giugno a ottobre, tramite i quali il Comitato si propone di valorizzare l’Ortobene. E se l’ obiettivo era quello di riportare i nuoresi a “su monte”, la fila di macchine parcheggiate lungo la strada fin giù di Solotti, fa capire bene con quali numeri è stato raggiunto. «Nonostante le difficoltà che inevitabilmente si incontrano quando si organizza un evento e l’ inesistenza di trasporti che collegano Nuoro al Monte nella fascia oraria serale, possiamo ritenerci più che soddisfatti – ha detto il presidente del Comitato, Antonio Costa –. Questo ci conferma quello che già pensavamo e sapevamo: il Monte Ortobene, attraverso un concreto programma di rilancio, può essere una nuova realtà economica nuorese da non sottovalutare». Fin dalla sua nascita, il Comitato ha lavorato assiduamente con l’ intento di restituire il parco alla città e ai suoi cittadini, legittimi proprietari. E chissà quante volte anche lui, Pietro Salis, in arte Piero Marras, nato a Nuoro nel 1949, da bambino ha giocato a nascondersi dietro i tronchi secolari delle quercie nel parco di Sedda Ortai rimanendo affascinato e incuriosito dalla strana casa di pietra nota come “il fungo”. Proprio lì, nei luoghi della sua infanzia, armato della solita chitarra ha scaldato i cuori di grandi e piccoli con i suoi versi che vanno dritti al cuore.

In scaletta, oltre ad alcuni dei suoi più celebri successi, anche tanti pezzi del nuovo disco “Ali di stracci”. Tra questi “Quirra”, uno di quei brani che ti segna dentro: racconta del poligono di tiro militare dove è stato usato l’ uranio impoverito, avvelenando mare e terra e dove ora si muore di leucemia. Sono tante le tematiche care a Piero Marras che riemergono durante il concerto nuorese, canzoni che raccontano un’ identità ignorata, violata. Un dialogo aperto, faccia a faccia tra il pensiero più intimo del cantante e i suoi spettatori, fatto di parole che esprimono il forte legame alla città e ancora di più al Monte Ortobene. Da qui l’ appello all’ amministrazione comunale perché si impegni concretamente nella sua tutela e valorizzazione.

Il prossimo appuntamento è il 3 agosto con la giornata “A su Connottu pro su Monte”, quando il folclore si unirà all’ artigianato e alla gastronomia locale.

Elezioni regionali 2024
Verso la nuova giunta

Alessandra Todde pronta a una rivoluzione, ed è già toto-assessorati

di Umberto Aime
Le nostre iniziative