La Nuova Sardegna

Nuoro

“ Wine music festival” festeggia i 35 anni nelle cantine di Jerzu

di Claudia Carta
“ Wine music festival” festeggia i 35 anni nelle cantine di Jerzu

La famosa sagra del cannonau era stata ideata nel 1980 Un ricco programma di conferenze e appuntamenti

31 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





JERZU. Ne è passato di vino sotto i Tacchi da quel lontano 1980, anno in cui venne realizzata la prima Sagra del vino a Jerzu. Allora la piazza Regaliu era completamente diversa, con le antiche panche in pietra, gli oleandri in fiore e la grande aiuola centrale, dove i più piccoli giocavano senza sosta.

A un lato della piazza, un corridoio realizzato in tavole, con le canne come tetto e qualche lampadina sistemata qua e là, a far luce. La fila delle persone scorreva fluida per assaporare un piatto di carne arrosto fumante e un buon bicchiere di vino.

Non esistevano ticket o calici. Tutto era messo a disposizione gratuitamente, perché c’era chi, gratuitamente, dava. Altri tempi. Domenica 3 agosto la Sagra del vino stacca il biglietto numero XXXV. Cambiati i numeri, con l’anfiteatro di piazza Europa a fare da palcoscenico a un evento di portata regionale, il “Wine music festival”, grazie a una promozione senza precedenti, che non solo corre sul filo dei social network, ma che si avvale della soddisfazione e del plauso generale di turisti e visitatori, che ogni anno si danno appuntamento nel capoluogo del Cannonau.

“Jerzu, il Cannonau”. Recitava così una vecchia pubblicità in voga negli anni Ottanta e Novanta. È il principe indiscusso della kermesse agostana non poteva che essere lui. Una sagra, quella del vino, che gli organizzatori – Comune, Pro loco e Cantina “Antichi Poderi” in testa – stanno studiando già da diverso tempo, per offrire a jerzesi e ospiti una giornata di festa, ma anche di autentica cultura del vino.

Si inizia alle 10.00 con la visita guidata all'azienda principale del settore, la Cantina sociale, appunto. Un occhio di riguardo anche alla storia e personaggi illustri del paese, con il medico e scrittore Tonino Serra che, accompagnato da Giacomo Mameli, presenterà alle 11 in sala consiliare il libro “Nicolò Businco: storia di un errore giudiziario”.

Il pomeriggio sarà caratterizzato dal laboratorio di “culurgionis” pensato per i bambini e previsto per le 17; mentre alle 18 avrà inizio la tradizionale sfilata, lungo Corso Umberto, dei gruppi folk provenienti da tutta l’Isola che andranno infine a esibirsi nella piazza Europa.

Tradizione e folklore, dunque, ma anche musica giovane, ritmo e divertimento in piazza Mereu a iniziare dalle 21.30 con i Breakin Down, per poi proseguire alle 23 con i Sikitikis.

Elezioni regionali 2024
Dopo il voto

Elezioni regionali, il centrodestra ancora spera nel ribaltone

Le nostre iniziative