La Nuova Sardegna

Nuoro

arbatax 

Nuovi mercati internazionali per le ostriche di Arbatax

ARBATAX. Ostriche Sandalia (le Fabrizie) e Cooperativa pescatori Tortolì: un binomio che va avanti da diversi anni, con sempre maggiori successi, grazie a una produzione di alta qualità e a una...

08 febbraio 2020
2 MINUTI DI LETTURA





ARBATAX. Ostriche Sandalia (le Fabrizie) e Cooperativa pescatori Tortolì: un binomio che va avanti da diversi anni, con sempre maggiori successi, grazie a una produzione di alta qualità e a una distribuzione qualificata. A inizio settimana, nella sede della storica Cooperativa, che compie 76 anni, ubicata nella zona della laguna san Giovanni (stagno di Tortolì) in riva di ponente ad Arbatax, e dove vi è anche il famoso ittiturismo, il presidente Luca Cacciatori e il suo staff hanno incontrato, ancora una volta, Gian Marco Zandrino, titolare della I.WAI food. Si tratta della società lombarda che da tanti anni seleziona i migliori prodotti ittici a livello nazionale e alla quale poi si rivolgono grossisti di “spessore” per fare arrivare tali produzioni i nei ristoranti stellati e nelle tavole di buongustai. Si tratta quindi di clienti che vista l’alta professionalità di I.WAI food, chiedono di avere le ostriche allevate nella Cooperativa pescatori Tortolì e vendute nella Penisola e all’estero con il marchio Sandalia. Mentre nell’isola, le stesse vengono conosciute come le ostriche le Fabrizie. Queste ostriche prendono il nome da Fabrizio Selenu, lo storico presidente della Cooperativa, che diede il via all’attuale produzione, scomparso qualche anno fa in un tragico incidente stradale lungo la nuova strada statale 125. Grazie all’e-commerce ittico è possibile ordinare le ostriche Sandalia e dopo poco più di 24 ore averle a destinazione in tutta Italia. «Le Sandalia della storica Coop pescatori Tortolì – ha detto qualche giorno fa ad Arbatax Gian Marco Zandrino (I.WAI food) mentre incontrava il presidente Luca Cacciatori e i suoi collaboratori – stanno conquistando i mercati. Pensate che è già possibile trovarle anche in qualche ristorante stellato della Francia, anche nella Costa Azzurra. Questo a significare la bontà del prodotto».

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative