Orani, cerca di nascondere in un cespuglio due fucili clandestini: arrestato allevatore

L'uomo è stato sorpreso dai carabinieri di Ottana durante un rastrellamento per contrastare il traffico di armi

ORANI. Quando sono arrivati i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ottana ha cercato di nascondere in un cespuglio due fucili con la matricola abrasa. Il tentativo non è sfuggito ai carabinieri (che hanno operato assieme ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna e delle unità cinofile) e così l'allevatore Angelo Sedda, 38 anni, di Orani, è stato arrestato nella campagna di Nurdole dove ha il suo ovile.

L'operazione dei carabinieri rientrava nell’attività di repressione del traffico d’armi e dei reati in genere, che ha richiesto perquisizioni e rastrellamenti su vaste aree rurali e boscate della zona

Le armi, che erano state avvolte in più strati di teli di nylon, un fucile semiautomatico ed un fucile sovrapposto entrambi in calibro 12, erano state accuratamente private delle matricole identificative. Nell'ulteriore controllo venivano rinvenute anche diverse munizioni a pallettoni dello stesso calibro, tutto in ottimo stato di conservazione. L’allevatore è stato recluso nel carcere di “Bade e Carros” di Nuoro e nella giornata di ieri 4 maggio si è svolta l’udienza di convalida che ha confermato la sua permanenza in carcere.

Sulle armi, che verranno inviate ai carabinieri del R.I.S. di Cagliari (il reparto delle indagini scientifiche), saranno effettuati accertamenti per cercare di risalire ai legittimi proprietari e verifiche balistiche per stabilire se sono state utilizzate per commettere ulteriori gravi reati.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes