L’emergenza Covid non ferma il ricordo delle vittime della mafia

SINISCOLA. Anche quest’anno seppur con tutte le limitazioni dovute al corona virus Siniscola non dimentica le vittime della strage di Capaci. Cerimonia per pochi intimi ieri in piazza 4 novembre per...

SINISCOLA. Anche quest’anno seppur con tutte le limitazioni dovute al corona virus Siniscola non dimentica le vittime della strage di Capaci. Cerimonia per pochi intimi ieri in piazza 4 novembre per la giornata della Legalità alla quale hanno preso parte il sindaco Gianluigi Farris, alcuni assessori e rappresentanti delle forze dell’ordine. «Tra le prime cose che abbiamo fatto in questo mandato è stato istituire la ricorrenza perché questo è sempre stato da subito il nostro obiettivo, amministrare con legalità e onestà – dice il sindaco di Siniscola –. Anche l’emergenza ci ha insegnato che se la collettività rispetta le regole ne beneficia la società e quindi tutti noi. La legalità rende la società più forte e libera. Non dimentichiamo il sacrificio che hanno fatto per noi le vittime di mafie, ricordiamo e impariamo dagli insegnamenti di Borsellino, Falcone e di chi come loro ha combattuto la mafia in cambio della stessa vita». Tra i presenti la responsabile del commissariato Rita Morelli. «La mission della polizia di Stato è avere la sinergia con le altre forze dell’ordine e le altre istituzioni per poter prevenire, anziché reprimere – ha detto –. Per noi arrestare una persona è una sconfitta». (s.s.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes