Oliena, attacco alla giunta «Atti non consultabili»

Dure accuse della minoranza per il mancato funzionamento del sito internet I tre consiglieri: «È un diritto dei cittadini partecipare al dibattito pubblico» 

OLIENA. Nuovo attacco dell’opposizione alla giunta guidata dal sindaco Bastiano Congiu. Salvatore Fele, Mattia Sanna e Valentino Carta chiedono conto alla maggioranza del mancato funzionamento del sito internet del Comune di Oliena. «Il tempo sta passando. Adesso basta con le scuse. Per loro, la colpa è sempre di chi al governo del paese c’era prima, ma allora le cose si facevano adesso no. Che si diano una svegliata. Unitamente agli altri due consiglieri di minoranza (Salis e Maricosu) – scrivono – abbiamo presentato un interrogazione al sindaco e alla segretaria comunale in qualità di responsabile dell’anticorruzione, chiedendo di ripristinare questo servizio, per consentire ai cittadini l’accesso al sito internet e consultare i documenti amministrativi. La legge promuove la partecipazione di tutti al dibattito pubblico riconoscendo tale diritto, ma a Oliena per il lacunoso funzionamento del sistema, tale diritto è negato. In genere i documenti devono rimanere visibili nel sito per 5 anni. Nel nostro Comune invece, la gran parte degli atti dopo appena 15 giorni di pubblicazione sparisce e il documento non è più consultabile. Per prevenire le solite giustificazioni della maggioranza, quando qualcuno muove loro delle critiche – aggiungono Fele, Sanna e Carta – anticipiamo che fino all’entrata in carica di questa giunta i documenti in questione si potevano facilmente consultare e ricordiamo invece che l’attuale amministrazione, insediata ormai da due anni ha finito da tempo l’apprendistato amministrativo e buonsenso suggerisce che i problemi vadano risolti da chi è alla guida dell’Ente».

Quindi i tre consiglieri anticipano che d’ora in avanti intensificheranno l’azione di controllo sul lavoro svolto dalla giunta denunciandone le eventuali lentezze, mancanze, omissioni o irregolarità che dovessero rilevare nel loro operato. «Ci attende un periodo difficile, nessuno purtroppo ha o avrà in futuro, bacchette magiche per superare la crisi, ma tutti devono essere coinvolti nella ricerca di soluzioni possibili. Si è ancora in tempo per iniziare dal ripristino delle regole fondamentali – aggiungono Fele, Sanna e Carta – come la legalità e la trasparenza degli atti amministrativi, un percorso di reale partecipazione civica. Noi abbiamo offerto, in diversi modi, la nostra disponibilità a collaborare per trovare insieme soluzioni o proposte che possano aiutare la ripartenza del paese, ma non abbiamo ricevuto che un generico ringraziamento. Eppure – concludono – del bilancio comunale ancora non c’è traccia. E senza bilancio non ci sono interventi. Ribadiamo tutta la nostra disponibilità nell’interesse del paese».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes