La Nuova Sardegna

Nuoro

da domani a posada 

Summer school per docenti da tutta l’isola al Parco Tepilora

POSADA. I docenti di scienze delle scuole secondarie sarde tornano tra i banchi con la terza edizione della Summer School la scuola di alta formazione che si svolgerà a Posada da domani al 24 luglio....

19 luglio 2020
2 MINUTI DI LETTURA





POSADA. I docenti di scienze delle scuole secondarie sarde tornano tra i banchi con la terza edizione della Summer School la scuola di alta formazione che si svolgerà a Posada da domani al 24 luglio. L’iniziativa è del corso di laurea in geologia dell’università di Cagliari, sezione sarda dell’associazione nazionale insegnanti di scienze naturali), ente parco Tepilora, Ceas Posada e riserva di Biosfera MaB Unesco. Venti docenti provenienti da tutta l’isola seguiranno le lezioni nell’ambito delle attività del piano di lauree scientifiche–geologia con l’obiettivo di trasmettere linee guida a fini didattici e perfezionare un modello di insegnamento basato sull’investigazione e sulla ricerca. Si parlerà di dissesto idrogeologico e sostenibilità ambientale e saranno gli strumenti della geologia a trattare questi temi.

Il Parco di Tepilora, come gli altri soggetti coinvolti nell’iniziativa, è da tempo impegnato, anche attraverso processi di divulgazione a incrementare la consapevolezza sui comportamenti individuali e collettivi che possono contribuire al corretto utilizzo del territorio e all’eliminazione di alcuni fattori di rischio. Il programma della Summer School è bilanciato tra seminari, studi sul campo, escursioni geologiche, monitoraggio, visite guidate e laboratori sperimentali. «La Summer School che abbiamo l’onore di ospitare – dice il presidente del parco Roberto Tola – sta diventando un punto di riferimento sempre più importante nell’ambito della formazione specialistica offerta in Sardegna. La valorizzazione dei nostri territori deve muoversi di pari passo con la ricerca scientifica che valorizzi e contribuisca a tutelare le ricchezze ambientali che abbiamo la fortuna di avere. L’augurio è quello di poter creare, un domani non troppo lontano, tante occasioni di confronto e formazione di alto livello aperte alla popolazione che siano occasione di crescita». (s.s.)

In Primo Piano
Nel porto

Santa Teresa, nuovo stop per la Giraglia: raggiungere la Corsica è un’odissea

di Marco Bittau
Le nostre iniziative