Il sindaco Caggiari si ricandida «Ho piani da portare a termine»

BORTIGALI. Settembre tempo di bilanci. Anche a Bortigali dove il sindaco Francesco Caggiari è in corsa per il suo terzo mandato. «Ho deciso di ricandidarmi alle elezioni amministrative del 25 e 26...

BORTIGALI. Settembre tempo di bilanci. Anche a Bortigali dove il sindaco Francesco Caggiari è in corsa per il suo terzo mandato. «Ho deciso di ricandidarmi alle elezioni amministrative del 25 e 26 ottobre prossimi – spiega – per portare a termine il lavoro iniziato in questi dieci anni. Voglio rimettermi in gioco perché, nonostante i numerosi progetti completati, molti altri ne restano da realizzare. Come ad esempio la rotonda sulla 129, nel tratto che collega Birori al mio paese. Vorrei mettere in sicurezza l'ingresso che porta al centro abitato e quello che conduce alla frazione di Mulargia. Mi piacerebbe snellire la burocrazia che è, spesso, un cappio al collo per gli amministratori. Tanti, troppi i ritardi dovuti al disbrigo delle pratiche. L’approvazione della variante generale al Puc, prevista per la fine del mese dopo un iter durato quasi dieci anni, ne è l’esempio lampante». E se nel cassetto di cose da fare ce ne sono diverse, tante quelle concluse o da terminare. «La parola d’ordine deve essere riqualificazione – sottolinea il sindaco –. Sono fiero di aver restituito alla comunità l’ambulatorio comunale a norma e dotato di tutti i confort. Grazie a un bando per la riconversione energetica di oltre 1 milione di euro, siamo riusciti a creare una rete intelligente tra il Comune e la biblioteca. Abbiamo valorizzato la piazza della nostra chiesa con la pavimentazione in basalto. Numerosi gli interventi anche nel novenario di Santa Maria Sauccu. Grazie a un bando del Gal, invece, sono state ristrutturate 3 abitazioni. E, ancora, abbiamo fornito delle cisterne per garantire la riserva idrica e abbellito il sagrato della chiesa». Previsti, a breve, i lavori nel cimitero. A disposizione più di 300mila euro che consentiranno di mettere in sicurezza la cappella e il muro di cinta. Sono previsti interventi pure all’interno del vecchio camposanto. «Nel corso dei miei due mandati – afferma il primo cittadino – io e la mia squadra abbiamo profuso un impegno quotidiano. Ci siamo messi al servizio del paese e dei suoi abitanti. Certo, come spesso accade, avremmo potuto fare meglio e di più ma, posso garantire, che abbiamo sempre agito per il bene della collettività. Se ci sarà modo di proseguire il cammino intrapreso, continuerò a portare avanti il mio compito. Non mi stancherò di far valere la voce e i diritti dei miei compaesani in materia di sanità e servizi. Ho aperto e chiuso la vertenza con le Poste, con la banca e con Abbanoa. Ora è in corso la battaglia per i trasporti. L’auspicio è che Ferrovie dello Stato possa garantire i collegamenti nel nostro territorio».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes