Dopo il tentato furto l’Ads tennis cerca di far ripartire le attività

BORTIGALI. A poco meno di tre settimane dal tentato furto del vano appoggio utilizzato dagli atleti dell’Ads tennis club Bortigali come spogliatoio, sembrerebbe non esserci nessuna novità sul fronte...

BORTIGALI. A poco meno di tre settimane dal tentato furto del vano appoggio utilizzato dagli atleti dell’Ads tennis club Bortigali come spogliatoio, sembrerebbe non esserci nessuna novità sul fronte delle indagini. Niente trapela in merito al risultato dei rilievi effettuati dai carabinieri a Mulargia, nel cortile delle ex scuole elementari adiacente al campo da gioco, dov’è accaduto il fatto. «Per ora l’identità degli autori del gesto, vile e incomprensibile – afferma il presidente dell’associazione sportiva dilettantistica, Alberto Manai – resta sconosciuta. Speriamo che le indagini dei militari portino all’identificazione di coloro che hanno compiuto una simile vigliaccata. Per noi quel container, acquistato qualche anno fa dall’amministrazione comunale con 5mila euro di fondi pubblici, era ed è tuttora indispensabile. La sua funzionalità è stata compromessa. Nel tentativo di scardinarlo dal supporto che lo sorreggeva, con l’ausilio di un trattore o di un camion gru, i vandali lo hanno seriamente danneggiato. L’auspicio è che quanto prima possa essere rimesso a nuovo». Nel frattempo, anche se a fatica e con non poche difficoltà legate alle restrizioni anti Covid, la scuola tennis cerca di riprendere le sue attività. «Mercoledì 9 e venerdì 11 settembre – sottolinea Alberto Manai – terremo delle lezioni gratuite per i tutti i bambini. È un modo per farli avvicinare a una disciplina che, in questo particolare momento, può garantire il distanziamento interpersonale tra i giocatori. Chiaramente – aggiunge il presidente dell’Asd Bortigali – la società assicura il pieno rispetto delle misure di sicurezza come l’uso delle mascherine e dei prodotti che consentano l’igienizzazione delle mani». Ma l’attesa è rivolta in particolare all’inizio del campionato di serie D, previsto per il 23 settembre prossimo. Una ventina gli atleti, uomini e donne, impegnati per tenere alta la bandiera della società. «La speranza – afferma Alberto Manai – è che il numero degli iscritti aumenti. Ci piacerebbe che ci fossero dei nuovi arrivi. La scuola, è innegabile, potrà sopravvivere solamente se saremo in grado di far avvicinare al tennis quante più persone possibile, dai 10 ai 90 anni». In concomitanza col campionato, al via pure gli allenamenti nella palestra comunale di Bortigali. «Il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 15.30 alle 22 – precisa il presidente –. Nei mesi invernali si svolgeranno al chiuso. Da maggio a settembre ci trasferiremo di nuovo a Mulargia per le attività all’aperto. Il sogno – confessa Manai – è che in paese venga realizzato un campo da tennis. Sarebbe indispensabile». (a.p.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes