Parcheggi gratis nel litorale per tutto settembre

Posada, i 56 ragazzi che garantivano controlli e distanziamento hanno cessato l’attività in spiaggia

POSADA. Parcheggi gratuiti dal 1° settembre in tutte le spiagge del litorale. I cinquantasei ragazzi che nei mesi di luglio e agosto hanno garantito il distanziamento nelle spiagge e il pagamento del ticket d’ingresso (ridotto quest’anno da 5 a 3 euro) hanno cessato il servizio lasciando campo libero ai vacanzieri che ancora affollano le spiagge principali. L’amministrazione comunale di Posada, cosi come aveva fatto lo scorso anno, ha deciso di non prorogare il servizio a pagamento lasciando quindi entrare gratuitamente le auto nei lidi di Orvile Su Tiriarzu, Iscraios, Suttariu e San Giovanni.

Tra qualche giorno si procederà quindi al conteggio degli incassi che ovviamente sia per la riduzione dei prezzi e principalmente per il calo di presenze dovuti al Covid, dovrebbero essere seppure di poco, inferiori allo scorso anno. Tutto sommato comunque il bilancio non può considerarsi completamente negativo visto che secondo i dati forniti dal Comune, a luglio evidenziano un calo del 15% rispetto al 2019.

Un segno meno ma abbastanza contenuto quindi considerando anche che la gran parte dei vacanzieri è arrivata in Sardegna solo a metà mese. Non sono ancora stati resi noti invece i conteggi del mese di agosto, ma si nutrono buone speranze perché sopratutto a cavallo di ferragosto in paese si è registrato il tutto esaurito.

Alberghi, b&b e seconde case si sono del tutto riempiti e in alcuni giorni, i parcheggi al mare, hanno dovuto chiudere perché tutti gli spazi erano esauriti. Nei prossimi giorni, si farà il bilancio complessivo degli introiti estivi quindi ricordando che oltre ad abbassare il prezzo del ticket si sono continuati a a garantire gli accessi gratuiti oltre che ai residenti del paese anche a tutti gli abitanti degli altri otto centri dell’Unione dei comuni del Montalbo e che al netto delle spese per l’assunzione dei cinquantasei ragazzi stagionali, gli introiti restano tutti nelle casse comunali grazie al progetto portato avanti da 15 anni da comune e servizi sociali con un progetto per le politiche del lavoro che da opportunità occupazionali a favore dei giovani disoccupati e degli studenti.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes