L’asilo trova casa nel Polivalente

Macomer, il nido comunale riaprirà ai primi di ottobre L’assessora Atzori: previsto anche il bonus di 600 euro

MACOMER. Sarà un’ala del Centro polivalente di Macomer a ospitare l’asilo nido comunale. «I locali rispondono a tutti i requisiti di legge e sono in linea con le misure di sicurezza anti Covid – ha spiegato l’assessore all’Istruzione Tiziana Atzori –. Dopo la chiusura dell’istituto Madonna di Bonaria che ospitava decine di bambini, ci siamo adoperati per trovare una soluzione capace di rispondere ai bisogni di tante famiglie che, altrimenti, non avrebbero saputo dove lasciare i loro figli. Il bando è pubblico – ha detto –, e, una volta aggiudicato, già a ottobre la struttura dovrebbe accogliere i piccoli ospiti». Le restrittive norme per il contrasto al coronavirus imporranno la riduzione del numero dei bimbi. «Potranno essere al massimo una trentina. Non di più», ha sottolineato l’assessore.

Nel frattempo l’amministrazione civica ha previsto il bonus asilo nido. «Verrà finanziato con fondi di bilancio riservati ai servizi educativi e sarà un aiuto concreto per tutti i genitori che, in un periodo difficile come quello che stiamo attraversando, si troverebbero in seria difficoltà a pagare una retta mensile che, in certi casi, può superare i 600 euro». Il voucher di 200 euro sarà uguale per tutti. A questa somma, poi, se ne aggiungerà un’altra da assegnare in base al reddito. «Chi presenterà un Isee da 0 a 25 mila euro – ha spiegato Tiziana Atzori –, avrà diritto a un contributo di 100 euro. Coloro che rientreranno nella seconda fascia, per intenderci quella dai 25 ai 35 mila euro, potranno contare su un buono da 70 euro che diventerà da 50 per i richiedenti con un reddito compreso tra i 35 e i 45 mila euro». Le domande potranno essere effettuate tra qualche giorno, non appena il bando verrà reso pubblico e inserito nella pagina istituzionale del Comune. «I provvedimenti messi in campo – ha sottolineato l’assessore all’Istruzione – sono l’esempio dell’attenzione rivolta ai bambini. Fino a qualche mese fa si è rischiato di non poter far ripartire un servizio indispensabile per la comunità intera. Per fortuna il nido sarà operativo e ai nostri bimbi sarà garantito il diritto a usufruirne in piena sicurezza. È nostra intenzione proseguire su questa strada, trovando ulteriori finanziamenti regionali al fine di migliorare e incrementare l’offerta formativa per i più piccoli», ha concluso Tiziana Atzori.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes