Il Comune cerca trenta volontari

Servizio civile: via al bando per giovani dai 18 ai 28 anni. Prenderanno 439 euro al mese per un anno

NUORO. Quattro progetti con l’inserimento di 30 giovani volontari. Questo il programma del Comune di Nuoro per il servizio civile internazionale. Dodici mesi di attività, per 1145 ore complessive, che ogni giovane sarà chiamato a svolgere. Prevista l’indennità di 439 euro al mese. Potranno partecipare al bando giovani che abbiano compiuto i 18 e non abbiano superato i 28 anni. Tra i requisiti anche che siano cittadini italiani o comunque cittadini di uno dei paesi dell’Unione europea. Mentre per gli extraeuropei la partecipazione è condizionata al possesso del permesso di soggiorno. Giovani che non abbiano riportato condanne, con pene superiori a un anno, per delitto non colposo. O, anche, condanne per pene, seppur minori, ma per reati legati alla detenzione illegale di armi o all’appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata.

Il programma dell’amministrazione di Nuoro è stato illustrato in municipio dal sindaco, Andrea Soddu, e dall’assessore competente, Filippo Spanu. I progetti. Il primo, dal titolo Green Dream, coinvolgerà quattro volontari. L’obiettivo è di migliorare la consapevolezza dei giovani rispetto all’ambiente. Segue il progetto dal titolo “La tela della consapevolezza” che coinvolgerà sempre quattro volontari. A ognuno di essi si chiederà di lavorare, insieme ad alcuni coetanei, ma anche insieme a genitori ed insegnanti, per contrastare i fenomeni delle dipendenze.

Dodici volontari, poi, andranno a creare la squadra di “Linea amica con il Comune - Emergenza Covid-19”. Al centro di questo progetto ci sarà l’obiettivo di migliorare la comunicazione tra ente locale e cittadini, soprattutto per le esigenze legate alla pandemia in atto.

Ha, invece, l’obiettivo di potenziare l’alfabetizzazione digitale, il quarto progetto, chiamato “Scuola: distanti ma uniti”. Riguarderà studenti e genitori di quattro istituti comprensivi della città, seguiti dai dieci volontari del servizio civile. Anche in questo caso il fine è quello di migliorare la comunicazione digitale tra scuola e famiglie, diventata fondamentale per via delle restrizioni sanitarie. Il commento del sindaco, Andrea Soddu: «Mettersi al servizio della propria comunità – ha affermato – è per i nostri giovani una grande esperienza di crescita personale e un’occasione di formazione professionale».

L’assessore Filippo Spanu ricorda ragione e natura del progetto: «Si chiama “Connessioni”, perché non solo ci vogliamo occupare del presente, e di tutte le attuali problematiche legate soprattutto alla pandemia, ma lo vogliamo fare pensando già al futuro».

Il termine di scadenza delle domande per candidarsi ai progetti è fissato per le ore 14, dell’8 febbraio 2021. Vanno presentate on line, registrandosi nella piattaforma Dol, all’indirizzo: domandaonline.serviziocivile.it.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes