Il Covid “salva” Re Giorgio dal rogo

Silanus, oltre al Carnevale è stata rinviata anche la gara poetica improvvisata

SILANUS. Quest’anno niente processo in limba a Re Giorgio. La Pro loco, che lo scorso anno ha rispolverato una antica tradizione legata ai festeggiamenti del carnevale, ha rinviato la sfida poetica tra improvvisatori che si sarebbe dovuta tenere a chiusura dei festeggiamenti. L’emergenza sanitaria impone cautela e così il processo a Zorzi Conchidortu è saltato. Re Giorgio è così riuscito a farla franca e ad evitare l’inevitabile condanna al rogo. Quello del processo a colpi di ottave endecasillabe è stato recuperato nel 2020 grazie a una felice intuizione della Pro loco e dell’associazione poetica Frantziscu Mura. L’anno scorso in piazza Carraghentu si esibirono i cantadores Totore Cappai di Silanus, Salvatore Senes di Bonorva e Nicola Farina di Orgosolo. Il primo rappresentava Re Giorgio, il secondo l’accusa e il terzo la difesa. Il processo si chiuse con un copione ormai noto con la condanna al rogo di Zorzi, reo di tutte le malefatte accadute nel corso dell’anno. Una iniziativa, gradita dagli appassionati di poesia, che a Silanus venne lanciata alla fine degli Settanta e nei primi anni Ottanta quando ad esibirsi erano i poeti professionisti Mario Masala e Francesco Mura. In qualche circostanza salirono sul palco anche dei cantadores dilettanti. Queste le ultime ottave improvvisate da Mura (accusa) e Masala (la difesa) durante la celebrazione del processo Re Giorgio nel 1980: Bae chi a mie no m’incantas / cun arringas de nobile avocadu / Sas acusas pro Zorzi sunu tantas / fatas in base a su chi at cumbinadu / si non c’aian segadu sas piantas / l’aia fatu morrere impicadu / ma ca furcas non c’ada in custu logu / lu cundenno chi morzad’in su fogu. Cando partis de animu nieddu / dae Frantziscu diventas Nerone / in su fogu si coghed’un anzone / unu crapitu o unu porcheddu /però non Zorzi faghe attenzione / si est chi jughes sale in su chelveddu / su chi non cheres chi fetan pro te’ / mancu tue lu fetas pro unu Re. Est cun custa finidu su burdellu / Zorzi no sinde merita clementzia / inutile es chi fetas’insistentzia. / cun su tou gentile trattu bellu / ormai es decretada sa sententzia / mancu podet ricurrere in apellu / ca a de ogni manera ordidu tramas / lassa chi bruied’in cussas fiamas. Deo t’aia onoradu e difesu / e Mura cundennadu ti ad’a morte / faghedi Zorzi coraggiosu e forte / como chi de sas braias sese in mesu / gai bruiende in sas fiamas azesu / lassas disabitada regia e corte / e fino cun su meu augurare / a largos annos su carrasegare. (t.c.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes