Coltivava cannabis nell'Iglesiente, arrestato a Oliena agricoltore 21enne

La piantagione scoperta dai carabinieri di Iglesias avrebbe prodotto droga per confezionare 19 milioni di dosi

OLIENA. Da Iglesias a Oliena per arrestare un giovane imprenditore agricolo, Gabriele Malatesta, di 21 anni, in ottemperanza all’ordine di esecuzione di una misura cautelare personale, disposta dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Cagliari per il reato coltivazione di marijuana ai fini di spaccio. I carabinieri della Compagnia di Iglesias, in collaborazione con i colleghi della stazione di Oliena, dopo le formalità in caserma, lo hanno riportato nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari per espiazione pena.

A fine ottobre 2020, il giovane egli era stato denunciato dai carabinieri di Iglesias per aver allestito nelle campagne della cittadina mineraria, dove si era stabilito, una piantagione di “cannabis sativa”, la cosiddetta “marijuana “legale”, che però di legale in questo caso aveva ben poco. Da un primo controllo documentale, infatti, i carabinieri avevano rilevato delle irregolarità che erano poi state confermate dalle analisi di laboratorio, effettuate in tempi rapidissimi dal RIS di Cagliari: la cannabis prodotta aveva un valore di Thc (tetraidrocannabinolo), il principio attivo delle piante di cannabis, nettamente superiore ai limiti consentiti dalla legge per la coltivazione della marijuana light.

Tutte le 5.020 piante, che avrebbero generato circa 19 milioni di singole dosi di stupefacente, per un valore al dettaglio di circa 40.000 mila euro, erano state sottoposte a sequestro penale e poi distrutte.(l.on)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes