Dorgali arrivano i fondi per il sistema museale

Dalla Regione finanziamento di 400mila euro per sistemare palazzo Pinna La sindaca: «È previsto anche l’abbattimento delle barriere architettoniche»

DORGALI. Finanziamenti in arrivo per il completamento del sistema museale del Comune. Palazzo Pinna, destinato ad ospitare l'intera proposta museale dorgalese, potrà finalmente spiccare il volo dopo anni di attese. La notizia è di qualche giorno fa e per Dorgali la Regione ha destinato poco meno di 400 mila euro. Una bella cifra che darà il via alla realizzazione di un progetto rimasto nel cassetto per troppo tempo. La soddisfazione della sindaca Itria Fancello: «Si tratta di un finanziamento che arriva finalmente a compimento dopo anni di attesa. Abbiamo iniziato a lavorarci dal 2017 e adesso speriamo che sia giunto il momento di concretizzare. L’idea – continua la sindaca ex Cinquestelle – è quella di completare la sistemazione del palazzo Pinna, acquisito dal Comune e parzialmente ristrutturato durante l’amministrazione Angelo Carta, per destinarlo a sede del museo archeologico e a spazio espositivo per le opere dell’artista Salvatore Fancello, attualmente esposte in spazi non adeguati. Il Maad, museo archeologico e d’arte dorgalese, potrà inoltre ospitare mostre artistiche e artigianali temporanee. Con la realizzazione dell’opera verrà anche migliorata l’accessibilità alle strutture museale da parte di persone portatrici di disabilità, perché è previsto l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche che invece oggi sono presenti nella sala Fancello. Tutto è fermo da anni ma ora, forse si riparte. Il museo archeologico e il museo dedicato al grande artista Salvatore Fancello, riuniti in un’unica struttura, un sogno rincorso da varie amministrazioni poco meno di una ventina di anni fa, seppure a piccoli passi sta per prendere forma. L’ultima notizia in merito è che i fondi necessari per continuare l’opera di sistemazione e messa in sicurezza della costruzione a fianco del palazzo comunale, messi a disposizione dalla Regione, passeranno alla Provincia di Nuoro prima che possano approdare nelle casse del palazzo civico dorgalese ma solo , nei vari stati di avanzamento a lavori ultimati. Nel palazzo adiacente al Comune sono finiti solo i lavori nella parte esterna e la messa in sicurezza ma riguardano solo una parte della struttura. Il resto è fermo, in attesa della riapertura del cantiere. Si attendevano i soldi che la Regione ci doveva dare per procede all’intervento. Il comune di Dorgali era da tempo destinatario di un finanziamento per ultimare i lavori di Casa Pinna, fondi che da Cagliari non sono mai partiti. Adesso la svolta. L’idea è che all’interno di quella struttura debbano andare il museo Fancello e quello archeologico anche perché queste esposizioni sono ristrette in spazi assolutamente non idonei».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes