La danza torna al “Costantino” con un balletto ispirato a Calvino

MACOMER. Sarà lo spettacolo di danza “Le città”, liberamente ispirato al romanzo di Italo Calvino “Le città invisibili” che vedrà riaprire le porte del cineteatro Costantino. L'importante...

MACOMER. Sarà lo spettacolo di danza “Le città”, liberamente ispirato al romanzo di Italo Calvino “Le città invisibili” che vedrà riaprire le porte del cineteatro Costantino. L'importante manifestazione, organizzata e ideata dall'associazione culturale Arte, teatro e danza di Macomer nell'ambito del progetto “Restart”, si terrà sabato 4 settembre sul palco dello storico teatro con l'anteprima alle ore 17 a cui seguirà lo spettacolo alle ore 21. L'associazione ha aperto la prevendita dei biglietti che sono in vendita presso il bar Garida e la pizzeria da Guero. Lo spettacolo è stato ideato per essere realizzato appositamente nella speciale location del “Costantino” con musiche della giovane compositrice statunitense Lindsey Stirling dove domina lo strumento classico del violino, reinterpretato in chiave moderna e innovativa mentre la narrazione sarà accompagnata da un gioco di luci realizzato attraverso l'ausilio delle nuove tecnologie.

Il corpo di ballo è formato da cinque giovani ballerine professioniste che sono state selezionate tra numerosi candidati attraverso un casting nazionale: Margherita Vassallo, Silvia Chessa, Giada Pulina, Letizia Guerra e Piera Ruiu che durante il mese di agosto sono state ospitate in città nella residenza artistica per le prove dello spettacolo con la direzione artistica di Gianpaolo Salis. mentre il team creativo è costituito dalle principali figure dello spettacolo come il regista, coreografo, assistente di regia, assistente coreografie e responsabili di produzione e della comunicazione.

Naturalmente l'evento si terrà nel rispetto delle vigenti normative anti-covid 19 per cui sarà obbligatoria all'ingresso la presentazione del certificato verde.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes