Macomer, dopo due mesi riparte il Trenino verde

Lo storico mezzo, con la carrozza Bauchiero, riprende le corse dopo l’incendio Partenza sabato 11 da Tresnuraghes. L’intera linea ripristinata entro l’anno 

MACOMER. Dopo oltre due mesi di stop forzato, causa danni incendio, il Trenino verde è pronto per riprendere la sua corsa tra il Marghine e la Planargia. Partenza sabato 11 settembre da Tresnuraghes con arrivo alla stazione di Macomer. «Il percorso è intermedio. Per ora – sottolinea Rossana Muroni, presidente della cooperativa Esedra – non sarà possibile raggiungere e lasciare Bosa marina a bordo del convoglio, e per farlo metteremo a disposizione un pullman, ma abbiamo ottenuto comunque un bel risultato. Quello che sta per ricominciare non è un semplice tragitto, ma l’inizio di un cammino che si è interrotto lo scorso luglio dopo il rogo che, divampato nelle campagne di Sindia in località Su Ponsu, ha danneggiato parte della strada ferrata all’altezza della chiesetta campestre di Santa Maria di Corte, impedendo di fatto la prosecuzione dei viaggi».

Una decina di giorni dopo, il colpo di grazia lo hanno sferrato le fiamme provenienti dal Montiferru. Sospinte dal forte vento hanno lambito anche paesi, abitazioni, aziende agricole, uliveti e vigneti della Planargia. Neppure la ferrovia è stata risparmiata. Quasi 4 mila in tutto le traversine danneggiate dal fuoco. Due i chilometri che hanno riportato danni ingenti. Stagione terminata, avevano pensato i soci di Esedra. E invece l’epilogo sembra essere diverso.

«Non potevamo permettere che finisse in quel modo – spiega Rossana Muroni – Quindi abbiamo chiesto all’Arts se fosse possibile rendere operativo almeno il tratto già messo in sicurezza. La risposta è stata affermativa ed eccoci qui. Pronti a rimetterci in gioco, ancora una volta». «Eravamo consapevoli dei disagi e delle grosse perdite economiche subiti dalla società – precisa Carlo Poledrini, direttore dell’Azienda regionale trasporti della Sardegna – perciò, effettuati i sopralluoghi e gli interventi di messa in sicurezza, ci siamo resi disponibili ad autorizzare la ripartenza del convoglio su Tresnuraghes-Macomer e viceversa. Chiaramente saranno necessari alcuni mesi prima di poter ripristinare l’intera linea. L’obiettivo è concludere i lavori entro l’anno, anche quelli già programmati da tempo, per poi assicurare la ripresa del servizio nel 2022».

Poco a poco si cerca, dunque, di tornare alla normalità. Diversi sono gli appuntamenti in programma. Oltre all’11 settembre, si viaggerà da Tresnuraghes a Macomer anche il 19 e il 24. Il 26 settembre, invece, partenza dalla stazione macomerese verso Tresnuraghes. Stesso itinerario in programma pure il 3 e il 10 ottobre. Non mancano le prenotazioni per fare l’esperienza. Saranno molti i francesi e i veneti a bordo della carrozza d’epoca Bauchiero.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes