Turismo ferroviario con i ferrocicli

Anche il comune guidato da Francesco Usai promuove il progetto

USSASSAI. Così come i suoi colleghi dei centri confinanti di Gairo e Osini, anche il primo cittadino di Ussassai, Francesco Usai, si dice favorevole all’utilizzo di ferrocicli lungo la linea ferroviaria. E questo sia nei periodi dell’anno, nei nove mesi in cui il trenino verde non viaggia, sia durante la stagione turistica, nei quattro giorni alla settimana, a partire dal 15 giugno a fine settembre, in cui il mezzo di trasporto effettua solo tre viaggi, se va bene, ogni sette giorni.

«Speriamo – afferma Usai – che, già dalla primavera del prossimo anno si possa finalmente vedere transitare di nuovo il trenino verde nel nostro territorio, dopo sette anni, grazie alle manutenzioni nel ponte di San Gerolamo (conosciuto anche come ponte Irtzioni). Nel frattempo, ben venga l’utilizzo dei ferrocicli nel tratto che porta fino a Gairo Taquisara, o in direzione di Seui. Con questo – aggiunge il primo cittadino – intendo quei mezzi che venivano utilizzati principalmente per la manutenzione dei binari o in miniera e che venivano spinti grazie a una grande leva a mano dai ferrovieri manutentori delle tratte». Oggi si parla di velorail, daisine o railbike: un veicolo ferroviario leggero, al massimo con quattro posti, come due mountain bike unite con catena di trasmissione e alcuni sedili centrali, spinto dalla pedalata di chi lo utilizza. «In questa maniera – fa rilevare il sindaco Usai – si riuscirà a sfruttare al meglio la tratta ferroviaria, creando anche nuova imprenditoria locale». Tra i Comuni è importante riuscire a fare rete anche con un progetto nuovo come questo, vera attrazione per bambini e famiglie. (l.cu.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes