Il Trenino verde chiude una stagione positiva

Oggi l’ultima corsa tra Gairo Taquisara e Arbatax. E dal prossimo anno torna la tratta per Ussassai

USSASSAI. Con gli ultimi due viaggi in calendario, programmati ieri e oggi, si conclude, a meno di nuovi slittamenti sulla base di forti richieste, la stagione turistica del trenino verde sulla tratta Gairo Taquisara- Arbatax, iniziata lo scorso 22 maggio con un solo passeggero (un turista lombardo) nel viaggio inaugurale. Quell’unica presenza ha invece poi portato bene, considerato che la stagione, rispetto ai viaggi in calendario, è andata bene, come spiega la guida turistico-ambientale gairese Alessandro Murino, 40 anni, da tredici impegnato quotidianamente sul tratto ogliastrino della ferrovia.

A Ussassai, dopo sette anni in cui il famoso mezzo di trasporto su strada ferrata non è più passato nel proprio territorio comunale per diversi problemi (il principale quello dovuto alle mancate manutenzioni e la reale messa in sicurezza sul ponte San Gerolamo, conosciuto anche come ponte Irtzioni), adesso ci sono tutti i presupposti per un suo ritorno.

«Nella stagione vacanziera del 2022 – afferma il primo cittadino di Ussassai, Chicco Usai – penso da fine maggio, con l’inizio dei viaggi a calendario del trenino verde, dopo sette anni, riusciremo finalmente a rivedere il trenino verde anche nel nostro territorio comunale, nel ponte di San Gerolamo, dove già da fine agosto è arrivato il materiale e vengono effettuati i lavori di manutenzione e messa in sicurezza, come attendevano da anni. Dal ponte San Gerolamo si arriva al punto di ristoro sito in località Niala. Le manutenzioni riguarderanno anche un altro ponte ferroviario, decisamente più piccolo nel tratto che porta a Seui».

Il primo cittadino del più piccolo centro ogliastrino (506 residenti) è contento che la stagione del trenino verde sia andata bene. «Spero proprio – prosegue Usai – che possa anche essere migliore il prossimo anno, quando anche noi riusciremo finalmente a rivedere il trenino verde nel nostro territorio comunale, grazie ai lavori di manutenzione messa in sicurezza dei due ponti ferroviari».

Il capo dell’esecutivo comunale spera anche che nei periodi in cui il trenino verde non effettuerà viaggi, lungo la tratta ferroviaria che interessa il suo territorio comunale, sempre a fini vacanzieri, possano essere utilizzati dei ferrocicli a pedale «in maniera da portare sempre più amanti della mobilità sostenibile nei nostri paesi, e facendo in maniera che si venga a creare anche nuova imprenditoria locale».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes