Trekking a cavallo sulle vie dei pastori

Fonni. Escursione del Centro equestre Taloro alla riscoperta della transumanza

FONNI. Saranno i racconti dei pastori che la transumanza – sa tràmuda – l’hanno praticata per una vita a rievocare domani una vicenda umana che rappresentava uno snodo decisivo nell’economia agropastorale di Fonni e di tutti i paesi dell’interno. Il trasferimento delle greggi dai pascoli della montagna, che a partire dall’autunno diventano freddi e inospitali, alle pianure dell’Oristanese e del Campidano, dove il clima si mantiene più mite anche d’inverno. Quella pratica, che è memoria e identità, che il Centro equestre Taloro di Mario Cadau, ripropone ormai da tempo, con il trekking a cavallo “Alla riscoperta delle vie della transumanza dei pastori della Barbagia”. Tre giorni su antichi sentieri, alla scoperta di luoghi, di culture, di modi di vivere, che progressivamente cambiano dalla montagna alla pianura, determinati e condizionati dall’ambiente e dal clima.

Il primo appuntamento è per domani pomeriggio. Dopo la sistemazione dei cavalli nelle strutture del Centro equestre Taloro, i cavalieri parteciperanno all’incontro con i vecchi pastori. Seguirà la illustrazione del viaggio e delle regole cui dovranno attenersi i partecipanti. Il secondo giorno prevede una levataccia, con partenza all’alba. Da Fonni, i cavalieri si dirigeranno verso il Rio Aratu, dove si potranno visitare i dolmen di Pedras Fittas. Poi il viaggio prosegue su un lungo sentiero in salita, a lato di “Su Nodu de Lopene”. Qua si potrà ammirare l’omonimo villaggio e si continuerà verso il magnifico altopiano di Tiana. Superato il paese ci sarà una breve visita alle gualchiere, le antiche macchine idrauliche per la follatura della lana. Il percorso prosegue sulla lunga e faticosa salita di “Annaporu” per arrivare nel territorio comunale di Austis. Qua è prevista la sosta per un pranzo frugale in località “Canale Figos”. Subito dopo il viaggio prosegue fino a “S’Angelu”, a Neoneli, dove è prevista una fermata per abbeverare i cavalli. La tappa finale della giornata è a Ula Tirso, dove è programmata la sosta notturna. Il terzo giorno i cavalieri procederanno lungo un sentiero che costeggia il fiume Tirso fino a Fordongianus. Qua potranno ammirare le antiche Terme romane di Traiano. Il viaggio prosegue per Villanova Truschedu, dove nell’antica chiesa sconsacrata di San Gimiliano si terrà la sosta per il pranzo. Il viaggio terminerà in agro di Siamaggiore e Tramatza, all’azienda agricola “Serras d’ala” della famiglia Coccolone, una delle mete storiche dei pastori transumanti. Qua i partecipanti saranno coinvolti in una festa all’insegna della tradizione. Dopo la cena e il pernottamento, la mattina successiva è previsto il rientro ai rispettivi luoghi di provenienza. Per tutte e tre le giornate verranno applicate le disposizioni anti-Covid.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes