Il canto di Galtellì per la Speedy

“Rassegna corale della solidarietà” a favore della società sportiva che ha scommesso sull’inclusione

GALTELLÌ. Sette associazioni culturali, cinque cori, la Pro loco e gli Amici del Borgo ospitale: tutti insieme con un solo scopo, aiutare il prossimo. È questo lo spirito della prima edizione della “Rassegna corale della solidarietà. Galte in coro”, in programma per il 29 dicembre (ore 20). Il canto, attività di grande rilevanza sociale a Galtellì, sarà il protagonista nella solenne cornice dello splendido santuario del santissimo Crocifisso. La sacralità delle melodie de Sos cantores, il coinvolgimento del Galte gospel voices, l’epica sinfonica del coro Voches e ammentos, la delicatezza della polifonica degli Amicos in cantos e l’arcaicità del tenore Garteddesu saranno il supporto alla solidarietà che si vorrà materialmente attivare a favore della Asd Speedy sport. Società sportiva protagonista (non solo in Baronia) dell’inclusione e dello sviluppo e supporto delle pratiche a favore dei suoi numerosi atleti normodotati e/con disabilità, che vanta traguardi e successi a livello anche internazionale. A questi atleti sarà dedicato l’intero evento.

L’idea nasce a seguito della volontà delle associazioni galtellinesi di iniziare insieme un percorso di collaborazione, preservando le individualità, ma traghettandole in una direzione comune che, con questo primo appuntamento vuole essere la solidarietà. Una nuova testimonianza della preziosa sinergia che si instaura quando la musica sposa la solidarietà in termini di impatto sulla comunità, coniugando espressione artistica e sportività per portare una speranza dove una volta c’era solo sconforto. Un grande segnale di una nuova capacità di fare sistema in questo momento di difficoltà, in nome di un bene comune più grande, nel pieno rispetto dei ruoli, delle competenze e delle professionalità di ognuno. In questo momento di pandemia, resistere alle difficoltà secondo il principio del mutualismo con la creazione di nuove iniziative solidali è la migliore forma di resistenza.

«Invitiamo tutti a rompere l’indifferenza, aiutando questi cari amici che molto hanno da donarci in termini di forza interiore, di inclusione e discriminazione – sottolineano gli organizzatori dell’evento –. Mercoledì 29 dicembre vi invitiamo quindi a questa nuova festa, in onore dei 90 grandi atleti che formano la Asd Speedy sport, quelli che combattono gli stereotipi negativi legati alla loro abilità e alla loro intelligenza motoria con importanti risultati in termini sportivi e di inclusione nello sport».

Una iniziativa solidale nata dal basso questa estate grazie all’attivismo e all’immaginazione civica dei cinque cori di Galtellì e a cui collaborano la parrocchia, la Pro loco, l’associazione Amici del Borgo, altre associazioni culturali, sportive e sociali locali, il Comune di Galtellì.

Durante la rassegna, a cui parteciperà una delegazione degli atleti della Speedy sport che intratterranno il pubblico con dei brevi simpatici steep tra le esibizioni musicali, è prevista una raccolta fondi destinata a sostenere alle attività della Speedy sport attraverso spontanee elargizioni, l’acquisto di biglietti di una lotteria realizzata dagli atleti, il tesseramento all’associazione quali soci sostenitori e l’acquisto del libro “Torrande contos. Amentos de Durgali” dello scrittore Vincenzo Pira.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.
WsStaticBoxes WsStaticBoxes