La Nuova Sardegna

Nuoro

Sanità

Piena emergenza a Dorgali: chiusa la guardia medica

di Nino Muggianu
Piena emergenza a Dorgali: chiusa la guardia medica

Angela Testone: «Intervenga l’assessore regionale Doria»

14 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Dorgali Sanità, situazione drammatica. Carenza di medici di famiglia, guardia medica che abbassa le serrande per lo stesso motivo e pazienti costretti a estenuanti viaggi al pronto soccorso di Nuoro, dove la situazione non è certo migliore.

Pazienti che si mettono in fila attesa del proprio turno per l’ingresso e poi, inevitabilmente, a trascorrere ore interminabili nei corridoi prima di essere presi in esame. L’unica buona notizia è che da qualche giorno a Dorgali ha preso servizio una nuova dottoressa e per accaparrasi un posto c’è stata una vera e propria corsa. «È davvero una situazione drammatica – commenta la sindaca Angela Testone che anche i giorni scorsi ha scritto un suo commento in proposito–. Ancora una volta devo, mio malgrado, comunicare l’assenza nei prossimi due giorni del servizio di guardia medica a Dorgali». E, purtroppo, prossimamente la situazione non migliorerà. «A partire dal 9 gennaio, con l’apertura dell’ambulatorio di medicina di base della dottoressa Maddalena Carta, cui auguro buon lavoro per il suo nuovo incarico – prosegue la sindaca –, il servizio di guardia medica subirà ulteriori tagli in quanto ci sarà un unico medico che evidentemente non potrà coprire tutti i turni. Della situazione – sottolinea ancora – è stato tempestivamente informato e invitato a garantire il sistema di continuità sanitaria sia il direttore generale della Assl che tutti i servizi che hanno titolo ad intervenire. Ho informato l’opposizione e do atto alla onorevole Elena Fancello, del suo puntuale intervento per sollecitare soluzioni adeguate. Ad ora non ho buone notizie. Mancano tanti medici di medicina di base, dei servizi di guardia medica e di pronto soccorso, non solo nella nostra isola, ma in tutto il Paese, così come in altri Paesi europei. Sono sotto gli occhi di tutti le carenze e le difficoltà del sistema sanitario nazionale».

E ancora: «Chiediamo all’assessore regionale di intervenire su queste situazioni di emergenza che di fatto mettono a rischio il diritto alla salute dei cittadini». Come se non bastasse la guardia medica, per mancanza di sanitari è rimasta chiusa mercoledì 10 e resterà sguarnita fino alla giornata di oggi. Insomma, i circa 9mila abitanti compresi tra Dorgali e Cala Gonone, vivono una vera e propria emergenza sanitaria. Una comunità che resta in attesa di risconto da parte dell’assessore regionale alla Sanità, Carlo Doria che, a Dorgali in occasione dell’ultima edizione di Autunno in Barbagia, aveva dato diverse rassicurazioni sulla problematica.


 

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative