La Nuova Sardegna

Nuoro

L’operazione

Traffico di droga, estorsioni e danneggiamento: sette misure cautelari


	L'operazione è stata condotta dai carabinieri di Siniscola
L'operazione è stata condotta dai carabinieri di Siniscola

Inchiesta dei carabinieri di Siniscola, per trasportare lo stupefacente utilizzati anche minori

01 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





SINISCOLA Sette misure cautelari emesse dal Gip del tribunale di Nuoro su richiesta della Procura, sono state eseguite oggi dalla Compagnia dei carabinieri di Siniscola, nei confronti di altrettante persone, tre delle quali finite in carcere, una agli arresti domiciliari, e tre all’obbligo di dimora nel comune di residenza. L’inchiesta riguarda  la detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, danneggiamento, possesso di banconote contraffatte porto e detenzione illegale di armi. Secondo le accuse gli indagati, spesso in concorso tra loro, avevano messo in piedi una fitta rete di contatti con spacciatori nei comuni di  Orosei, Galtellì, Siniscola,  Tempio Pausania e Olbia, ai quali sistematicamente con l’ausilio di ingegnosi stratagemmi e linguaggi criptici consegnavano il quantitativo richiesto di stupefacente di tipo cocaina e marijuana, concordando un diverso punto di incontro per ogni consegna. Nell’attività di recapito e trasporto è emerso anche l’impiego di minori. Il provvedimento cautelare giunge al termine di una attività d’indagine diretta dal sostituto procuratore Giorgio Bocciarelli. Le indagini sono iniziate nel dicembre 2021, dopo l’aggressione di un minore nel comune di Torpè. Indagando per ricostruire quell’episodio, i carabinieri sono approdati a un grosso traffico di stupefacenti, per il quale spesso venivano impiegati minori. Ancora, venivano utilizzate banconote contraffatte appositamente fatte pervenire dal Sud Italia. Tra i metodi impiegati, il ricorso alla violenza e all’intimidazione con armi da fuoco nei confronti dei creditori meno solerti. Il commercio si articolava durante la settimana,mentre la riscossione delle somme dovute era svolta nel fine settimana. Tra gli accorgimenti utilizzati, la sostituzione frequente delle schede sim e delle macchine, noleggiate per brevi periodi, e dove veniva nascosta la droga da consegnare, nel vano motore, o in un incavo all’esterno del pianale. Nel corso di quasi un anno di indagine sono state trovate due piantagioni di marijuana, sequestrati di 5,8 kg di marijuana e circa 450 grammi di cocaina. L’attività investigativa ha consentito inoltre di ricondurre alla compagine ulteriori episodi intimidatori avvenuti in Galtellì (Nu) e Siniscola tra la metà del 2021 e la fine del 2022.

In Primo Piano
Monta la protesta

Agricoltori e allevatori sardi si mobilitano: il 17 giugno comincia il “mese della collera” contro i danni della siccità

Le nostre iniziative